| categoria: sport

IL Verona si congeda dalla A battendo la Juve


Il Verona saluta il “Bentegodi” con una vittoria di prestigio. In un match che non aveva nulla da dire per la classifica della Serie A, e che finirà nella storia per essere l’addio al calcio giocato di Toni, i gialloblù già retrocessi in B hanno superato la Juventus, fresca del suo quinto scudetto consecutivo e in campo con tante “seconde linee”, per 2-1.

Al 5’ Helander entra pulito in area su Zaza, la partita non decolla e i padroni di casa ci mettono qualcosa in più per salutare degnamente i propri tifosi. I l match si fa più vivace al giro di boa della prima frazione: al 28’ Viviani impegna Neto in due tempi, al 36’ Cuadrado mette alto sopra la traversa. Al 38’, Toni sfiora il vantaggio con un sinistro che sbatte sul palo. Ma il bomber di casa, dopo un diagonale di Dybala out di un soffio, si riscatta al 43’: Pisano guadagna un rigore per un contatto con Alex Sandro, il campione del mondo trasforma con un “cucchiaio” ritrovando il gol dopo oltre 600 minuti di digiuno.

Nella ripresa, gli scaligeri raddoppiano al 10’ con un gran destro di Viviani che si insacca nel sette. Wszolek ed Emanuelson si rendono pericolosi, la Juve reagisce con Zaza, che al 15’ pareggia il conto dei legni con una botta deviata sul palo da Gollini. Gran punizione di Dybala al 23’ messa in corner dal portiere veneto, Zaza va anche in gol ma Maresca annulla per fuorigioco. Ancora Zaza, al 28’, anticipa tutti di testa ma non centra lo specchio. Al 40’, standing ovation per Toni, che esce dal campo dopo la sua ultima gara con i professionisti abbracciato da compagni e avversari e tra gli applausi dei tifosi dell’Hellas. Nel recupero, Alex Sandro espulso per doppia ammonizione e rete del definitivo 2-1 di Dybala su rigore.

Ti potrebbero interessare anche:

Leonardo "sospeso", rischia un lungo stop per la spallata all'arbitro
F1/ Alonso, il quarto posto è il massimo, di più non potevamo
F1/ In Cina trionfa ancora Hamilton, terza la Ferrari di Vettel
F1, Rosberg trionfa in Austria. Hamilton secondo, Vettel giù dal podio
GATTUSO, CUTRONE VOLI BASSO E FACCIA L'AMORE
ATALANTA VINCE 2-1 IN RIMONTA A FIRENZE, È QUARTA DA SOLA



wordpress stat