| categoria: sanità Lazio

San Camillo, salta tutto, via i vertici aziendali. Resta il direttore generale

San Camillo, salta tutto. gli ultimi clamorosi episodi dei giorni scorsi hanno lasciato il segno, fuori in un colpo solo direttore amministrativo e direttore sanitario. Resta, chissà perché il direttore generale Antonio D’Urso a presidiare in bidone. Qualcuno finalmente si è svegliato? Ai piani alti buttano acqua sul fuoco. Routine. Di fatto il direttore amministrativo, Alessandro Cipolla, ha rassegnato le sue dimissioni, e il direttore sanitario, Francesco Cortese, è stato accompagnato alla porta per raggiunti limiti di età

Roma - Antonio D'Urso, direttore generale azienda ospedalier San Camillo

E D’Urso precisa: “Non dimissioni. Per Cortese applicata la legge che impone il pensionamento per chi compie 65 anni”. Ma la vicenda potrebbe complicarsi: Cortese infatti potrebbe far valere il contratto triennale stipulato 2 anni fa e rivolgersi al giudice del lavoro.

Al San Camillo le cose non vanno bene, secondo un dettagliato studio della Cgil su conti, andamento e attività svolte dall’ospedale “è a rischio il suo futuro” . Su tutto, però, spicca un dato che, per il sindacato, è l’indice primario di quello che definiscono “un lento cammino verso il declino” : in due anni sono andati persi ulteriori 25 milioni di euro: dai 135 milioni del 2012 due anni dopo si è passati a 158. Ma altre spine sono cresciute intorno a questo imponente ramo sanitario. Meno personale e meno posti letto (dal 2004 al 2015 sono passati da 1247 a poco più di 800 day hospital esclusi).

I posti letto attivi, poi, toccano l’83% della dotazione totale. E poi c’è il numero, altissimo di prestazioni in intramoenia “che oltrepassano i 16 milioni e mezzo di euro l’anno e rappresentano il 30% delle entrate della Regione a fronte di un calo di tutte le attività chirurgiche”. La Toracica, ad esempio è diminuita del 22% (è passata da 990 interventi nel 2014 a 772 nel 2015). E la Chirurgia Generale 2 sempre nel 2014 aveva fatto 608 interventi, l’anno dopo 460, la Cardiochirurgia, invece, tocca il -8%. L’unica ad aumentare il suo lavoro è Neurochirurgia (+4%).

Ma i punti più dolenti sono i parti, fiore all’occhiello per molti anni: nel 2011 erano 3568 mentre nel 2014 sono scesi a 2941. Intanto Ginecologia è ancora senza primario: di fatto lo è da due anni, il concorso era stato espletato ma poi la nomina sospesa per problemi burocratici ricorsi e contro ricorsi . Per non parlare di un altro concorso da primario. Questa volta per il pronto soccorso. Fatto per due volte, anche se andato a buon fine poi è stato comunque bloccato per problemi di gestione della procedura concorsuale.

Per la Cgil “lo studio dimostra che il management nominato dalla giunta Zingaretti per ora non ha dato i risultati attesi”. Di Cola conclude però che al San Camillo va anche riconosciuto di aver fatto il bando, primo in Italia, per garantire l’applicazione della legge 194 vincolando l’assunzione ai medici non obiettori”. “Non ci sono solo criticità, la stessa Cgil ha riconosciuto che si sono punte d’eccellenza”, replica il dg D’Urso.

Ti potrebbero interessare anche:

Federlazio-sanità contro Zingaretti, cresce la protesta: servizio garantito solo agli esenti da tick...
Zingaretti rischia grosso sul bando dei Dg. Oltre ai ricorsi c'è il Tar
Al Gemelli "codice viola" per salvare paziente in arresto cardiaco
"Quei 30 milioni li dirottiamo sull'Idi. Ma al Papa non diciamo niente". Bambino Gesù smen...
Incompatibilità Presidente-Commissario. Zingaretti fa ricorso alla Consulta: norma illegittima
Coronavirus, ecco dove trovare a Roma e provincia le postazioni "drive in"



wordpress stat