| categoria: turismo

Divertirsi a Vienna per i 250 anni del Prater

Per celebrare i due secoli e mezzo di vita, il Prater, il grande parco giochi di Vienna, nato sull’antica riserva di caccia imperiale, invita grandi e piccini a scoprire le 250 attrazioni, una per ogni anno della sua storia, aperte per festeggiare l’anniversario.

Nell’aprile del 1766 l’imperatore Giuseppe II regalò la sua riserva di caccia ai viennesi che decisero di trasformarla in un’area dove passeggiare e rilassarsi, con stand e chioschi dove bere vino o birra e mangiare dolci. Nacque così il Prater che si sviluppò ancor di più in occasione dell’Esposizione universale del 1873, quando ospitò spettacoli pirotecnici e concerti; poi nel 1895 venne realizzata l’area ricreativa Venezia a Vienna e due anni dopo, per il 50esimo anniversario della salita al trono dell’imperatore Francesco Giuseppe, venne eretta la ruota panoramica, che presto divenne uno dei simboli della capitale austriaca. Il Prater era per i viennesi un luogo dove svagarsi e passare il tempo, deliziati dai concerti all’aperto, dalle passeggiate in calesse e dai giri in giostra.

Oggi il parco dei divertimenti più amato dai viennesi regala, oltre alla ruota panoramica, giochi tradizionali e tecnologici: dall’autodromo al tiro a segno, dalle montagne russe ai trenini dell’orrore e ai simulatori di volo; per i più piccoli ci sono le giostre, il teatro delle marionette e il trenino nella grotta. La grande attrazione di quest’anno, tuttavia, è l’ottovolante Olympia Looping, il più grande al mondo con i suoi cinque giri della morte: i vagoni sfrecciano per più di mille metri a 100 chilometri all’ora a un’altezza di 32 metri, con un’accelerazione gravitazionale che arriva fino a 5,2 g, cioè 5,2 volte il proprio peso corporeo. Nella piazza della ruota panoramica, inoltre, è stato inaugurato il museo di Madame Tussauds, con 71 statue di cera di celebri personaggi della storia austriaca: l’imperatore Francesco Giuseppe e l’amata principessa Sissi, Wolfgang Amadeus Mozart e Gustav Klimt, oltre ai protagonisti dello spettacolo, dello sport e della politica più recenti.
Al di là dei giochi, il Prater è un enorme parco con viali alberati, giardini e boschi, frequentato per fare jogging, passeggiare e andare in bicicletta, per sdraiarsi sui prati e accanto ai laghetti o semplicemente per sedersi a uno dei tanti chioschi o ai tavolini delle caffetterie e godersi il fresco degli alberi.

I festeggiamenti per le celebrazioni del Prater proseguono in città per tutta l’estate e prevedono mostre, concerti, giochi a tema, sfilate e spettacoli. La rassegna Al Prater! Divertimenti a Vienna dal 1766, allestita fino al 21 agosto nel museo del Prater vicino al Planetario, permette di conoscere nei dettagli attraverso oggetti e stampe d’epoca la storia di quest’area pubblica tanto amata; il museo ebraico dedica fino al 18 settembre la mostra Svago tra il Prater e la città. Le vie del divertimento, mentre nel museo del Circo e dei Clown fino al 31 dicembre è presentata l’esposizione Il mondo meraviglioso del Prater: 250 anni del Prater di Vienna.
Per maggiori informazioni: www.wien.info/it

Ti potrebbero interessare anche:

Wine Resort, la Toscana punta sul lusso
NAPOLI/A Natale Maschio Angioino aperto il 25 e planimetria per strade presepi
CARNEVALE/ Emilia Romagna: da Scandiano a Castelnuovo le feste negli antichi borghi
"Calici di stelle" torna ad agosto in Puglia
Camaiore, tappeti di segatura colorata per il Corpus Domini
Freddo e neve anticipano lo sci



wordpress stat