| categoria: spettacoli & gossip

“Non è la Rai”: una maratona di 16 ore a 25 anni dalla prima puntata

Sembrava ieri che un’Ambra Angiolini giovanissima e boccoluta salutava in lacrime il pubblico di Non è la Rai. E, invece, sono già passati più di vent’anni. Per essere precisi, quasi venticinque dalla prima puntata, andata in onda – in diretta – il 9 settembre del 1991, dallo Studio 1 del Centro Palatino di Roma. Ma Mediaset ha deciso di anticipare i tempi e di fissare per oggi un ritorno al passato di quelli che non si dimenticano: una maratona di 16 ore, trasmessa su Mediaset Extra, dalle 10.30 del mattino fino a notte fonda.

La rete diretta da Marco Costa riproporrà il meglio delle quattro edizioni – andate in onda prima su Canale 5 e poi su Italia 1 – della storica trasmissione ideata da Gianni Boncompagni e Irene Ghergo. Al centro del varietà pomeridiano alcune giovanissime ragazze, che si esibivano in giochi telefonici, sketch, balletti e canzoni (in playback). In seconda serata verranno, inoltre, trasmessi due speciali che ripercorrono la storia dello show con momenti cult e interviste alle protagoniste (tra cui Claudia Gerini, Sabrina Impacciatore, Lucia Ocone e Nicole Grimaudo). A seguire, anche l’uno contro tutti di Ambra al Maurizio Costanzo Show del 1997.

LEGGI ANCHE Ambra condurrà “Coppie in attesa 2”

Se la prima stagione fu, infatti, condotta da Enrica Bonaccorti e la seconda da un già allora promettente Paolo Bonolis, è con la sedicenne Ambra Angiolini – all’epoca soltanto Ambra – che la trasmissione diventò un fenomeno televisivo e di costume. E, tra le tante cose, contribuì a trasformare la giovane padrona di casa in un idolo adolescenziale e non solo.

La maratona sarà soprattutto un’occasione da non perdere per appassionati e nostalgici. Che al grido – o meglio all’hashtag – di #NonelaRaiDay avranno la possibilità di commentare in diretta uno dei programmi che – lo si ami o lo si odi – ha segnato la storia della televisione italiana e, in particolare, di quella commerciale.

Ti potrebbero interessare anche:

CAV/ Francesca Pascale querela la Bonev per stalking e diffamazione
Sanremo, è il trionfo di Arbore, l'usato sicuro
Allarme bomba, poi rientrato, alla Mostra del cinema di Venezia
Il ministro Boschi e l'avvocato, fuga d'amore a Formentera?
Beautiful perde migliaia di spettatori: ​la soap più longeva potrebbe chiudere
Morto Antonio Pennarella, il boss di Un Posto al sole. Aveva 58 anni



wordpress stat