| categoria: In breve, Latina, Senza categoria

Guida Blu 2016, ancora 4 vele a Sperlonga e Ponza. Premiate 7 località pontine

Sono 13 le località costiere del Lazio – 7 solo quelle pontine – premiate da Legambiente che insieme a Touring Club Italiano ha presentato “Il mare più bello, la nuova Guida Blu”, il meglio del mare in Italia, vale a dire i luoghi che garantiscono vacanze gradevoli in luoghi belli e curati.

Tra le località pontine presenti nella Guida Blu 2016 spiccano Ponza e Sperlonga che, insieme a Montalto di Castro, hanno onuovamente raggiunto le 4 vele (su un massimo di 5). Tre vele a Sabaudia, San Felice Circeo e Ventotene insieme a Tarquinia, e 2 vele a Terracina e Gaeta, che sono in compagnia di Anzio, Nettuno, Ostia, Santa Marinella. Nessuna vela a Latina che comunque figura tra le 7 località pontine che anche quest’anno premiate con la Bandiera Blu.

“Lo studio analitico dei parametri presi in considerazione, curato come ogni anno dall’Istituto di ricerca Ambiente Italia – viene spiegato in una nota -, contempla le valutazioni espresse sulla base della qualità delle acque ma anche dei numeri della raccolta differenziata, dell’accessibilità del litorale, dell’offerta di servizi turistici; in questo quadro sono emerse Sperlonga per la cura del proprio paesaggio ma anche per l’attenzione alla mobilità ciclabile aumentata negli anni; Montalto per le politiche di risparmio energetico ma anche l’offerta di servizi per i disabili; Ponza per l’altissima qualità del mare e dei fondali”.

“Si conferma, quello del Lazio, un mare con una serie di potenzialità importanti che devono essere ancora espresse al meglio – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – le località con il migliore punteggio possono aspirare ad entrare nel club delle 5 vele ma per farlo le amministrazioni territoriali devono impegnarsi ancora di più nell’intraprendere scelte che vadano nella direzione dello sviluppo turistico sostenibile.

Il rilancio del litorale della regione passa anche attraverso tali scelte, grazie alle quali il Lazio può rilanciarsi in un ruolo nuovo nel panorama turistico-balneare, mettendo insieme la bellezza delle isole ponziane, quella dei litorali di pregio o delle aree marine protette di Ventotene e delle Secche di Tor Paterno, insieme ad una proposta storico-paesaggistica vicino la costa, che forse non ha eguali”.

GUIDA BLU: LE VELE ASSEGNATE NEL 2015

A caratterizzare ulteriormente questa guida, tra le pagine de Il Mare più bello, ‘Il consiglio di Legambiente’: per raccontare il territorio ‘da vicino’, i circoli locali dell’associazione hanno segnalato gli aspetti più belli, le caratteristiche più speciali e i tesori nascosti della loro terra.

Ma la Guida “Il Mare più bello” è anche social. Tutte le novità, gli approfondimenti, gli appuntamenti saranno disponibili sulla pagina facebook: www.facebook.com/ilmarepiubello. Una sorta di community che raccoglie le località che in questi anni si sono trovate al vertice classifica della Guida Blu con l’obiettivo di condividere buone pratiche e migliorare le proprie performance di sostenibilità ambientale.

Sempre in tema di social network, Legambiente lancia La più bella sei tu. “Anche quest’anno l’invito è a scegliere e segnalare entro il 30 giugno attraverso il sito internet (www.legambiente.it/lapiubella) e sui social network (con #laspiaggiapiùbella), la spiaggia più bella d’Italia per individuare i dieci lidi più affascinanti, caratteristici e speciali del Belpaese, quelli che hanno fatto della bellezza la propria principale risorsa. Insieme al nome della spiaggia l’associazione ambientalista invita anche a motivarne la scelta, perché la bellezza non è solo un dato estetico”.

Ti potrebbero interessare anche:

ll Cav a ruota libera: spread colpa mia? Monti mascalzone, Boccassini da processare
Frane, alluvioni, crolli: la mappa del rischio nella capitale
LA BEFFA/ Ferrovia Roma-Viterbo, 1 milione dI euro per tornelli riciclati e “anti-disabili”
EDITORIA/ Da Asor Rosa a De Mauro, salviamo la Carocci
Atti di libidine su allieve, arrestato maestro di pianoforte
Grandi opere, Ercole Incalza torna in libertà



wordpress stat