| categoria: sanità Lazio

Tecnologia sempre più avanzata al S.Giovanni Addolorata grazie alla Fondazione Roma

Ancora una volta la Fondazione Roma ha promosso un programma di intervento e sostegno delle emergenze nel settore sanitario attraverso l’erogazione di contributi ad alcune strutture ospedaliere per la realizzazione di iniziative finalizzate a elevare il livello qualitativo delle prestazioni sanitarie chirurgiche erogate ai cittadini.

A seguito di tale iniziativa l’Azienda ospedaliera San Giovanni – Addolorata ha richiesto alla Fondazione Roma che tale finanziamento fosse finalizzato a rinnovare il sistema chirurgico robotico Da Vinci SI che rappresenta, nelle procedure per il trattamento delle patologie oncologiche in urologia e per il carcinoma del colon, la tecnologia più avanzata a livello mondiale per i notevoli sviluppi funzionali rispetto ai precedenti modelli, maggiori vantaggi e benefici sia per gli operatori sia per i pazienti che a questi tipi di interventi si sottopongono.

Tra i maggiori vantaggi qualitativi si evidenziano:
– minori perdite ematiche con diminuzione della necessità di trasfusioni di sangue (solo 3,2% dei pazienti sono stati trasfusi a fronte del 28% di trasfusioni nella chirurgia tradizionale)
– terapia antidolorifica ridotta grazie al minor dolore peri-operatorio
– assistenza in terapia intensiva post-operatoria non necessaria
– riduzione della degenza post-operatoria media (3,6 giorni vs 8,2 nella chirurgia tradizionale)
– più precoce ritorno alle normali attività lavorative e sociali (allo stato attuale circa 2 settimane contro 4 settimane nella chirurgia tradizionale) con minor perdita di produttività lavorativa
– miglioramento della radicalità oncologica
– diminuzione delle complicanze chirurgiche.

L’Azienda ospedaliera San Giovanni – Addolorata vanta notevoli risultati numerici già conseguiti dal 2008 con il precedente sistema Da Vinci che, con l’introduzione della nuova dotazione nel gennaio 2016, sono ulteriormente aumentati con l’avvio della chirurgia robotica in ambito ginecologico.

Grazie a questa innovazione tecnologica, il Complesso ospedaliero San Giovanni – Addolorata è stato riconosciuto come “Robotic Training Center” internazionale dalla prestigiosa Società Europea di Urologia (EAU) che, tra i prerequisiti per ottenere l’accreditamento, annoverava tra gli altri anche la dotazione del Robot da Vinci di ultima generazione. Sul piano della formazione e della divulgazione delle tecniche chirurgiche robotiche la sala operatoria dedicata alla chirurgia robotica dell’Ospedale San Giovanni, ha accolto da gennaio 2016 ad oggi 14 specialisti come medical visitors e di questi 3 urologi si stanno avviando verso un percorso didattico che li porterà nel giro di 1 anno a rendersi autonomi nella chirurgia del cancro della prostata.

Il valore complessivo della convenzione tra l’Azienda ospedaliera San Giovanni – Addolorata e la Fondazione Roma per l’aggiornamento del sistema chirurgico robotico Da Vinci SI è di Euro 1.073.600,00. Di questo Euro 685.000,00 rappresenta il contributo della Fondazione Roma e Euro 388.600,00 quello della Regione Lazio.

Ti potrebbero interessare anche:

Idi, la proprietà caccia 400 dipendenti ma paga per alcuni dirigenti 2,3 milioni all'anno?
San Raffaele, bene Zingaretti su Idi-San Carlo. Ma ci siamo anche noi
Commissione Sanità, stop sulla nomina di Macchitella, ma è rissa anche su altri nomi
TUMORI/Si rinnova il reparto di oncologia pediatrica dell'Umberto I, il 12 l'inaugurazione
Oncologia pediatrica, i piccoli pazienti del Gemelli danno un calcio al cancro
Ok unanime, nasce il registro regionale dei tumori voluto da M5S



wordpress stat