| categoria: esteri

ELEZIONI/ Australia: vincono i conservatori, ma non c’è maggioranza

Il premier australiano, Malcolm Turnball, della coalizione conservatrice, ha annunciato di aver vinto le elezioni anticipate del 2 luglio e si avvia a guidare il Paese per un secondo mandato di tre anni, ma senza maggioranza. Termina così la paralisi politica in cui era precipitata l’Australia dopo un’elezione caotica che ha visto i due principali candidati testa a testa. Il conteggio è ancora in corso, ma Turnbull ha detto che la coalizione ha ormai la vittoria assicurata anche dopo che il leader dell’opposizione, Bill Shorten, ha riconosciuto la sconfitta nelle elezioni e lo ha già chiamato per congratularsi. “Abbiamo risolto questa elezione”, ha detto il premier ai giornalisti. L’elezione, tuttavia, non è completamente risolta. Per governare, bisogna avere almeno 76 dei 105 seggi disponibili nella Camera dei Rappresentanti, ma finora nessun partito ha ancora raggiunto il quorum. A questo punto rimangono due possibilità: o la coalizione formerà un governo di maggioranza con un margine risicato o il Paese avrà un Parlamento senza la piena maggioranza. In quest’ultimo caso, la coalizione del premier stringerà un’alleanza con i partiti minori. Il paese ha cambiato più volte guida dal 2010 e a settembre scorso Turnbull ha tolto la poltrona di premier al suo collega di partito Tony Abbott, diventato ormai impopolare. In Australia si vota ogni tre anni per la Camera dei rappresentanti e metà del Senato. Un’elezione anticipata con un doppio scioglimento, sia di Camera sia di Senato, può essere indetta se una legge di iniziativa di governo viene bloccata. E’ quello che è accaduto in questo caso. A marzo, infatti, il leader conservatore aveva minacciato un voto anticipato a meno di un via libera alla riforma delle authority bloccata in Parlamento. Poiché il testo è stato definitivamente bocciato, Turnbull ha chiesto lo scioglimento di entrambe le camere e indetto elezioni anticipate. Non accadeva dal 1987.

Ti potrebbero interessare anche:

Manager di Tiffany ruba gioielli,arrestata
USA/Fa rumore con il telefono al cinema, ucciso da spettatore
Grecia, spiragli di negoziato, la Troika tenta il rush finale con l'eurogruppo
Grecia: Fmi frena, serve chiaro impegno Ue taglio debito
La battaglia di Mosul volge al termine: tace la radio dell'Isis
Lavoro: A Parigi se sei bianco non ti vogliono



wordpress stat