| categoria: sanità

Contrordine, abrogato il decreto taglia-esami

97db2cc213d2ff570b7c53390f1bccdbNiente sanzioni per medici e libertà di prescrivere secondo necessità e coscienza, ma l’appropriatezza prescrittiva resta. E’ dietrofront sul decreto taglia-esami. Prevista nei nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea), la novità frutto di un lavoro condiviso tra ministero della Salute e professionisti, è stata annunciata in una conferenza stampa dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

“Sulle condizioni di erogabilità e appropriatezza si introduce un regime prescrittivo concordato con medici e società scientifiche basato sulla responsabilità”, ha spiegato Lorenzin. Con il dpcm sui nuovi Lea, che attende il via libera del Mef, viene infatti abrogato il Decreto pensato per limitare le prescrizioni inutili ma che, dalla sua presentazione, non aveva cessato di creare polemiche.

“Nato con l’obiettivo di creare una cultura diversa che permettesse di responsabilizzare i professionisti nel prescrivere in modo appropriato, – ha spiegato Lorenzin – quel metodo applicato non ha dato i risultati sperati. Con i nuovi Lea frutto di un lavoro condiviso con i medici, abbiamo superato quel provvedimento”. L’accordo “inaugura un nuovo metodo di lavoro con tavolo insieme alle categorie coinvolte” e garantisce “libertà di prescrizione ma con un occhio alla sostenibilità del sistema”.

Non ci sarà monitoraggio della singola prescrizione ma dell’operato dei prescrittori. E le prestazioni ‘a rischio inappropriatezza’ si riducono a pochissime e per lo più relative a test genetici.

Ti potrebbero interessare anche:

In un ospedale di Napoli mancano le garze, interventi sospesi
Gli Italiani godono di buona salute nonostante il pessimo stile di vita. Cresce la spesa pubblica
Sanità, con ticket 2014 salasso di 350 euro a testa
Sabato Papa Francesco in visita ai piccoli pazienti del Bambin Gesù di Roma
HIV. In aumento diagnosi tra gli over 50
Medici appena laureati nei pronto soccorso della Toscana



wordpress stat