| categoria: primo piano

Chiese e concerti blindati. Siamo nel mirino? Schierati anche parà e marina

1878217_colosseoL’Italia schiera i suoi reparti speciali. Non soltanto i 7 mila militari impiegati a presidio dei punti sensibili insieme con gli uomini delle forze dell’ordine, ma anche i componenti dei reggimenti d’assalto super addestrati a svolgere operazioni di guerra: il Col Moschin dei paracadutisti e il Comsubin della marina, raggruppamento subacquei e incursori. Il Viminale ha già effettuato quattro esercitazioni antiterrorismo con i “Rambo” dell’esercito e ha chiesto che vengano utilizzati in caso di necessità e di emergenza. Non soltanto davanti a una minaccia reale, ma anche nell’ambito della prevenzione e dei controlli. Per fare questo gli verrà riconosciuta la qualifica di agenti di pubblica sicurezza. E, in caso di operazioni, andranno, da Roma in su, sotto il comando del Gis dei carabinieri, da Roma in giù dal Nocs della polizia.
Il dispositivo è già partito perché ormai i fatti degli ultimi giorni hanno dimostrato quanto sia difficile prevedere l’assalto e monitorare l’obiettivo. E’ il potenziale aggressore che va cercato, senza per questo avviare una caccia alle streghe che renda la situazione ancora più grave e complicata. I nostri servizi di intelligence continuano a ripetere che non ci sono minacce concrete, sebbene ribadiscano che è praticamente impossibile immaginare quanto siano realmente a rischio le nostre città, i monumenti e tutti quei soft target che hanno rappresentato gli obiettivi preferiti dai killer del Califfo.

Che la situazione non sia delle più tranquille, dunque, nessuno prova a nasconderlo. «Non diciamo di non aver paura, perché non possiamo dire di essere a rischio zero – è lo stesso ministro Alfano a dichiararlo – Ma gli italiani possono stare certi che giorno e notte c’è chi lavora per rendere il Paese sempre più sicuro, e che dal ministro dell’Interno al capo della Polizia a tutta la filiera della sicurezza, nessuno abbassa la guardia. Nell’azione di prevenzione o di repressione del terrorismo siamo sempre “sul pezzo”. Abbiamo un protocollo operativo, una sorta di vademecum molto dettagliato, in cui c’è una precisa individuazione di responsabilità, di chi fa che cosa e di come si fa quel qualcosa, esattamente nel momento in cui dovesse accadere un evento terroristico che noi vogliamo scongiurare con tutte le nostre forze ed energie».Sui fatti di ieri a Rouen e sulla minaccia attentati è intervenuto anche il premier Matteo Renzi, il quale ha ribadito che «non bisogna arrendersi mai alla cultura della morte e alla paura». «Vorrei che arrivasse forte lo sdegno per quanto accaduto in Francia – ha spiegato – un abbraccio affettuoso alla comunità, ai cugini francesi. L’Italia e l’Ue dovranno dimostrare di essere più forti non chiudendosi a riccio ma tenendo forte la nostra identità».
L’attacco nella chiesa francese, i simboli del cristianesimo violati e la barbara uccisione del parroco hanno coinciso con il viaggio a Cracovia di Papa Bergoglio. Una missione più blindata del solito. Dall’Italia, infatti, sono partiti agenti della polizia per collaborare a garantire la sicurezza alla Giornata mondiale della gioventù. Gli operatori appartenenti al Servizio di cooperazione internazionale di Polizia (Scip) saranno impiegati con gli agenti della polizia polacca. Presteranno servizio con le loro divise per rendersi più riconoscibili ai nostri connazionali, in modo da agevolare il flusso informativo e le richieste di assistenza. Dei circa 120-130 warning che ogni mese vengono valutati dell’intelligence, diverse decine riguardano proprio i luoghi di culto. E a Cracovia sono attesi pellegrini da ogni parte del mondo.

A Roma chiese e concerti blindati. Cinquecento uomini dei reparti anti terrorismo di polizia e carabinieri, tiratori scelti, unità cinofile antiesplosivo. Foro Romano sorvegliato speciale ieri sera – come pure sotto osservazione le più importanti chiese del centro dopo la strage di Rouen – per il concerto Music for Mercy, l’evento che celebra il Giubileo della Misericordia e andato in scena su un palco allestito nel cuore dell’area archeologica. Misure di sicurezza eccezionali, in campo anche le unità antiterrorismo, controlli capillari con metal detector, via dei Fori interdetta alle auto e un massiccio presidio di forze dell’ordine a presidiare a largo Corrado Ricci, da piazza Venezia, fino al Colosseo. Misure particolari predisposte dal questore, Nicolò D’Angelo, con un’apposita ordinanza di servizio, ha fatto sapere la Questura, per garantire la massima sicurezza dell’evento, a cui hanno partecipato 1.400 invitati, e molti artisti provenienti da paesi diversi, ospite d’onore Andrea Bocelli.
Tanti turisti e romani assiepati lungo la passeggiata archeologica, per assistere dall’esterno alla diretta Rai, attraverso un maxischermo. Nell’area, interamente bonificata, in azione artificieri, uomini in borghese tra la folla, varchi d’accesso super presidiati con doppio controllo, prima di varcare l’ingresso. E ancora: prescrizioni alla viabilità e alla sosta delle macchine, transennamenti e rimozioni dei contenitori dei rifiuti. Limitato (sparito) il commercio ambulante. Interdetta la salita al Colle capitolino. Del momento particolare, dell’allarme Isis, in pieno Anno Santo in corso, ha parlato ieri anche il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, rassicurando: «L’Italia si è finora dimostrata un Paese sicuro reggendo allo sforzo di quattro eventi: l’Expo e la finale di Champions League a Milano, il concerto di Bruce Springsteen e il Giubileo tuttora in corso a Roma».
A vegliare sugli accessi e ad accogliere gli ospiti di riguardo (tra i tanti i ministri Dario Franceschini e Roberta Pinotti, il segretario di Stato della Santa Sede Pietro Parolin, monsignor Sanchez Sorondo, l’ambasciatore americano John Phillips, Jean Todt) il soprintendente Francesco Prosperetti. Fiato sospeso ma anche l’incanto di uno spettacolo unico, nonostante le polemiche sull’allestimento del palco in un luogo così delicato, con l’uso di mezzi pesanti e il rischio danni.

Ti potrebbero interessare anche:

Dopo i telefoni gli aerei. Air France pronta a salire in Alitalia
Oscar, trionfa "Birdman". Quattro premi anche per Anderson. L'Italia c'è
Aereo russo abbattuto, Putin porta i missili a Latakia
Francia, ora comanda Macron
Autostrade esce allo scoperto e pubblica le convenzioni con lo Stato
Mondo di mezzo, revocato il 41 bis a Carminati



wordpress stat