| categoria: politica, Senza categoria

Centrodestra, Giorgietti dà il segnale: sarà divorzio tra Salvini e Berlusconi

Le strade della Lega Nord e di Forza Italia stanno per dividersi. Probabilmente per sempre. Che Matteo Salvini sia furioso con Silvio Berlusconi e con Stefano Parisi è cosa nota. Ma nel Carroccio c’è un politico che è la vera mente di tutte le strategie della Lega: dalle alleanze all’organizzazione del movimento. Non si tratta di Umberto Bossi e nemmeno di Roberto Calderoli o di Roberto Maroni, bensì di Giancarlo Giorgetti. L’ex presidente della Commissione Bilancio di Montecitorio, attuale vicesegretario federale, ha parlato alla festa della Lega Nord Romagna in corso a Milano Marittima. E il suo passaggio chiave è stato “senza Berlusconi prendiamo più voti e possiamo vincere”.
Giorgetti, uno dei saggi scelti da Napolitano dopo la sua rielezione al Quirinale (l’unico della Lega stimato da Re Giorgio), è stato l’uomo che per lunghi mesi ha dialogato con Forza Italia (Romani e Matteoli) e con Fratelli d’Italia (La Russa e Fidanza) per arrivare alle candidature alle Amministrative. E soprattutto è la figura nella Lega che consiglia e indirizza le scelte politiche e strategiche di Salvini. Giorgetti è un politico abilissimo e astuto, lavora dietro le quinte e se si è espresso in quel modo vuol dire che la situazione tra Lega e Forza Italia è davvero vicinissima alla rottura definitiva. Cosa che non piacerà affatto né a Roberto Maroni (che flirta con Parisi e apre al polo moderato) e neanche a Umberto Bossi ancora fortemente legato a Berlusconi. Ma tutta l’attuale classe dirigente della Lega è con Salvini (e con Giorgetti). Dai capigruppo Fedriga e Centinaio fino a Luca Zaia, Gianluca Pini, Paolo Grimoldi e Alessandro Morelli. Le dichiarazioni di Giorgetti, che a differenza del leader parla due o tre volte all’anno, segnano davvero una svolta storica per il Centrodestra italiano.

Ti potrebbero interessare anche:

IL PUNTO/ Corsa contro il tempo sulla Consulta. Pd apre al Matterellum
MALTEMPO/ Renzi, come gli angeli di Genova io spalo il fango della burocrazia
QUIRINALE/Blog di Grillo, il Patto del Nazareno è in coma profondo
Campo de' fiori, risse e spaccio. Chiuso un club
Renzi alla sua minoranza: "Se non si fida, voti No al referendum"
Pd, Renzi: "Nessun alibi per rinvio, le primarie saranno il 30 aprile"



wordpress stat