| categoria: gusto

Consorzio mandorla Avola, non svendete prodotti

ebb1f6832c502562782d1b2f1663ed93 “Le previsioni del 2016 indicano una notevole produzione di mandorle nel nostro territorio. La mitezza dell’inverno ha consentito, infatti, che i mandorleti trasformassero in frutti gran parte dell’intensa fioritura. A causa delle scarse piogge, le mandorle si presentano in molti casi di pezzatura inferiore allo scorso anno e già pronte per essere raccolte”. Lo dice Antonio Scacco, presidente del Consorzio della mandorla di Avola, che lancia un appello “per evitare che questa situazione possa determinare un abbassamento del prezzo ai produttori”. “L’invito del Consorzio – prosegue – è di non vendere il prodotto in questa fase a meno di due euro al chilo, prezzo peraltro al di sotto delle quotazioni del 2015. Va sottolineato che ogni anno, nella fase iniziale, agisce come causa di ribasso la presenza dei cosiddetti ‘raccoglitori’, che puntano purtroppo a recuperare rapidamente solo i loro costi di raccolta e non certo, come nel caso delle aziende agricole, i costi complessivi della produzione”. “Per questo – ribadisce Scacco – non bisogna precipitarsi a vendere ma attendere che la situazione si stabilizzi su quotazioni che rispettino il lavoro dei produttori”.

Ti potrebbero interessare anche:

ROMA/ "Formaggi in centro", in trenta ristoranti ricette con tre dop
Nelle sagre venete si "cucina la crisi" con le ricette dei nonni
Al via l'Oktoberfest più blindata, attesi in tre milioni
L'Italia vince il campionato mondiale di pasticceria
Censis, arrivano dalle cantine delle cooperative italiane 6 calici su 10
Non è sempre colpa della maionese, falsi miti sui cibi in estate



wordpress stat