| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Rom “sfrattati” dall’ex cartiera: via tutti perchè il Comune non paga

Nomadi sgomberati dall’ex cartiera di via Salaria, trasformata dal Comune di Roma in un centro per l’emergenza abitativa. Lo stabile, di fronte a Fidene, è di proprietà del Poligrafico dello Stato che vanta, nei confronti dell’amministrazione capitolina circa 4 milioni di euro di risarcimento. E così circa 400a rom, alloggiati da alcuni anni nell’immenso complesso, vengono “sfrattati”. Si tratta perlopiù di famiglie con minori: al momento dello sgombero, da parte degli uomini del gruppo Spe della Polizia Locale di Roma Capitale i minori presenti erano una quarantina. Alle famiglie allontanate, è stata offerta assistenza alloggiativa, da parte della Sala Operativa Sociale di Roma Capitale.‎ Assistenza gia’ accettata nei giorni scorsi da circa 300 persone.‎ All’interno dello stabile abitava anche un uomo agli arresti domiciliari, che però non è stato trovato: non potendo dichiarare un nuovo indirizzo di residenza, l’uomo e’ evaso evitando cosi’ di tornare in carcere.

Ti potrebbero interessare anche:

Rifiuti, piano Polverini addio, il Consiglio regionale cambia tutto
C'è scritto nel rapporto dei prefetti: Buzzi avvicinò anche questa giunta
Abuso d'ufficio, e sono quattro. Indagata anche l'ex assessore Cutini
Informazione sempre meno libera
Raggi punta sulle periferie “Liti tra i 5stelle? Non le ho sentite”
Pioggia e vento: albero cade su auto ai Parioli. Due feriti



wordpress stat