| categoria: Roma e Lazio

DIETRO I FATTI/ Muraro, e adesso salta fuori il solito Buzzi

I conti non tornano, è un massacro e si capisce anche bene a dove possa portare. L’assessore all’ambiente Muraro è sotto schiaffo, la Giunta Raggi è sotto schiaffo e il tritacarne mediatico funziona a meraviglia. Ci si chiede che cosa sia saltato in testa al direttorio grillino di mettere in campo un personaggio così vulnerabile. Ora salta fuori Mafia capitale, saltano fuori le telefonate con Buzzi e la familiarità con il boss della spazzatura, il novantenne Cerroni. Tutto sgradevole e scivoloso, probabilmente tutto dimostrabile, con un effetto domino pericoloso che porta ad accostare tessera dopo tessera un mondo equivoco alla Muraro, quel mondo equivoco che i grillini volevano spazzare via. Salvatore Buzzi, l’imputato numero uno del processo contro Mafia Capitale. Il ras delle cooperative non poteva non avere anche l’aggancio con l’assessore Paola Muraro. I due si conoscono, si telefonano, e di quelle comunicazioni riservate c’è traccia proprio all’interno dell’enorme quantità di intercettazioni contenute nel fascicolo dell’inchiesta che ha travolto la Capitale. I magistrati che hanno indagato non sembrano aver trovato un rilievo penale in quello scambio di informazioni. Ma è facile che il nuovo terremoto che ha colpito Ama e la sua consulente ora in Campidoglio, portino gli inquirenti a dare una rilettura a quelle telefonate. La frittata è fatta, e non è dato capire dove tutto questo porterà, quale potrà essere l’atteggiamento del vertice grillino. Certo potevano pensarci prima. Perlomeno c’è una leggerezza eccessiva nel valutare le mosse più delicate. Lo facevano gli altri, lo faceva il Pd, e i grillini erano durissimi, intransigenti. La verità politica ha poco a che fare con la verità storica e con quella giudiziaria. Risultato, siamo tutti nei guai e venirne fuori potrebbe essere dolorosissimo. Paradosso dei paradossi, la Muraro è una che di rifiuti se ne intende, forse una delle persone più competenti e capaci di risolvere la questione esplosiva della capitale. Molto più di altri che hanno fatto e disfatto in quell’ambito.

Ti potrebbero interessare anche:

SGARBI ELETTORALI/ Alemanno alla Montagnola: "Qui i rossi più rossi, la peggiore sinistra d'Eur...
COLOSSEO/Della Valle, persi 3 anni in polemiche
I fratelli imprenditori che investivano per conto della Camorra, sequestrati beni per 40 milioni di ...
Tar, confermato il via libera allo spostamento dei camion bar
Roma Tre, giovane si uccide nel cortile dell'Università
NOMINE/ La Raggi sceglie Buarnè (ex Marino) per la Città Metropolitana



wordpress stat