| categoria: Dall'interno

Migranti a Ventimiglia, poliziotto muore d’infarto durante gli scontri con i No borders

U550x189x1898472_vent_jpg_pagespeed_ic_dVzKETMc53n poliziotto è stato stroncato da un infarto questa sera mentre prestava servizio durante alcuni tafferugli con una quarantina di attivisti No border che avevano occupato l’ex caserma dei Vigili del fuoco, poco lontano dal centro di temporanea accoglienza allestito a Parco Roja. Secondo le prime informazioni il poliziotto farebbe parte del reparto mobile di Genova. Era un assistente capo di 50 anni che, dopo il malore, è stato trasferito all’ospedale di Sanremo dove è morto. È stata disposta l’autopsia. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, non c’è stato alcun contatto con i manifestanti.

Il dramma, tuttavia, rischia di generare ulteriore tensione alla vigilia della manifestazione dei No Borders prevista per domenica. Secondo la polizia, che in serata ha perquisito la sede degli attivisti di Camporosso (25 denunciati per i fatti di venerdì, altrettanti fogli di via e tre espulsioni dal territorio nazionale), ci sono proprio gli antagonisti dietro alla fuga lungo la scogliera dei Balzi rossi e in mare e lungo l’Aurelia fino a occupare la scogliera di Menton Garavan.

Quei 140, che provenivano quasi tutti dal centro di temporanea assistenza della Croce rossa allestito al parco Roja, ora sono stati mandati nei centri di identificazione nel sud Italia, saranno identificati e espulsi. Mentre i francesi, che venerdì sono stati i soli a sparare i lacrimogeni addosso ai migranti aggrappati agli scogli, finiscono di rastrellare i fuggitivi per riportarli tutti alla frontiera e respingerli, la polizia italiana si prepara alla manifestazione di domenica. Non sarà facile, la tensione è alta. E fa sentire la sua voce il sindaco di Ventimiglia Enrrico Ioculano: «C’è una situazione contingente particolare e il centro di accoglienza del Parco Merci dev’essere l’unico punto di riferimento. Chi crea disagi a Ventimiglia non ci può stare – ha detto – La manifestazione è pretestuosa e non porta a alcun risultato. È ormai evidente che attività di questo genere vengono studiate ad hoc per creare disagio e disturbo».

«Dolore» è stato espresso dal governatore della Liguria, Giovanni Toti, per la morte del poliziotto. «Rabbia per gli irresponsabili che alimentano tensioni e provocano scontri in un clima già drammatico. Basta No border – ha concluso Toti – zero tolleranza. Il governo intervenga».

Ti potrebbero interessare anche:

Si allarga lo scandalo sull'Arno, la regine delle Escort viveva gratis in una casa delle coop social...
Pullman si ribalta: veniva da Zagabria, due feriti gravi
Dal cibo alla moda, dilaga il Veganesimo, ormai è filosofia di vita
Cutuli: imputati afghani condannati a 24 anni
FOCUS/ OLIMPIADI 2026: APPENDINO INCASSA PRIMO SÌ TORINO
Stupro Matera, c'è ottavo indagato



wordpress stat