| categoria: esteri, Senza categoria

Usa, Trump annuncia la sua riforma del fisco: “La più grande da Regan

untitledL’ha definita la più grande rivoluzione fiscale dai tempi del presidente Ronald Reagan. Annunciando i suoi propositi, però, Donald Trump ha abbandonato il suo iniziale programma, che prevedeva quattro aliquote (0, 10, 20 e 25 per cento), per appoggiare il piano del partito, con aliquote più alte (12, 25 e 33 per cento). Ci sarà comunque un taglio delle tasse (ora l’aliquota più alta è del 39,6%) per le famiglie e anche per le aziende, che devono essere invogliate a produrre negli Stati Uniti. Trump vuole inoltre riportare i capitali statunitensi nel paese: per questo, vuole un’aliquota molto bassa, pari al 10%, che dovrebbe permettere il ritorno di miliardi di dollari. E ha annunciato una novità rispetto al passato: la sua intenzione è quella di aumentare, rispetto al suo piano iniziale, l’aliquota sul reddito più alta dal 25 al 33 per cento. Questi alcuni punti del piano economico di Donald Trump, delineati all’Economic club di Detroit, in Michigan.

Il miliardario ha parlato per circa un’ora, interrotto da una dozzina di contestatori, che non gli hanno comunque fatto perdere la calma. “Ogni piano che ha fallito per questa città, e per molte altre, è un piano che è stato sostenuto da Hillary Clinton” ha esordito. “Le nostre strade e i nostro ponti sono in pessimo stato, ma troviamo i soldi per sistemare milioni di rifugiati a spese dei contribuenti” ha aggiunto, dopo la prima di una lunga serie di interruzioni. “Per molte persone che vivono qui a Detroit, (il sogno americano) è svanito. Questa città è la dimostrazione del fallimento dei piani economici dell’attuale amministrazione. Quando l’America era governata da noi, Detroit ha vissuto un boom economico”. Hillary Clinton “è la candidata del passato. La nostra è la campagna del futuro” ha assicurato.

“L’aspetto comune di ogni idea di Clinton è che vi punisce perché lavorate e fate affari negli stati uniti. Ogni politica” che ha appoggiato “ha avvantaggiato” i paesi stranieri come la Cina. “Noi sfideremo la Cina, come manipolatrice di valute e come responsabile di quasi metà del nostro deficit”, ha detto Trump. Poi, dopo essere stato interrotto per la sesta volta, ha annunciato che “faremo di nuovo crescere l’America” e che “forniremo maggiori dettagli su questo piano nei prossimi giorni”.

“Quello che è successo nel nord dello Stato di New York è un disastro” ha poi detto, facendo riferimento a un articolo del Washington Post che accusa l’allora senatrice Hillary Clinton di aver promesso 200.000 posti di lavoro, di cui però non c’è traccia.

Poi, è tornato a parlare delle sue proposte. “Con il mio piano, nessuna azienda americana pagherà più del 15% di tasse. In altre parole, ridurremo le vostre imposte dal 35 al 15 per cento”. Ora, ha detto Trump, “puniamo le aziende (con alte imposte, ndr) perché producono in America, ma lasciamo che importino senza costi”.

Poi, uno sguardo alle famiglie americane, che “guadagnano oltre 4.000 dollari in meno rispetto a 16 anni fa. Il 31% della paga dei lavoratori, in media, finisce in tasse, a cui si aggiunge il 10% in tasse statali e locali”. “Riporteremo miliardi di dollari parcheggiati all’estero” ha aggiunto, con un’aliquota del 10% sui capitali di ritorno e ha assicurato che la sua sarà, appunto, “la più grande rivoluzione fiscale” dai tempi di Reagan.

E c’è un colpo di scena nel cuore del partito repubblicano dove il clan Bush continua a farsi portatore del movimento ‘Never Trump’ e, secondo gli osservatori, lavora dietro le quinte per indebolire il candidato repubblicano alla Casa Bianca. A sorpresa George P. Bush, figlio di Jeb, ex candidato alle primarie più volte deriso e umiliato da Donald Trump, ha esortato i leader del Grand Old Party a sostenere il ‘re del mattone’. “Dal team Bush è una pillola amara da digerire – ha detto durante un evento di attivisti repubblicani in Texas – ma sapete una cosa, è possibile rimettersi in piedi e sostenere chi ha vinto, per fermare Hillary Clinton”.

Ti potrebbero interessare anche:

Asl di Latina, il manager prende coraggio e si smarca: insostenibili nuovi tagli
Siria, 400 morti nel raid su Aleppo, 117 i bambini
Migranti, la Merkel esautora il ministro dell'Interno
Anche in missione Antartide si festeggia con ravioli e panettone
USA 2016/ Dopo Trump scoppia il caso Cruz: non c'è pace per i repubblicani
Assange arrestato a Londra. Scotland Yard: richiesta di estradizione dagli Stati Uniti



wordpress stat