| categoria: Dall'interno

Brusco stop all’estate, ecco i temporali. Rischio idrogeologico

550x190x1903285_schermata_2016_08_09_a_17_22_41_jpg_pagespeed_ic_r5RHgn5E1L Ed è allerta meteo. Nelle prossime ore una perturbazione proveniente dall’Europa centrale e caratterizzata da aria particolarmente fredda raggiungerà il settore alpino italiano e le regioni nord-orientali determinando fenomeni temporaleschi anche intensi. Lo scrive la Protezione civile in una nuova allerta meteo. L’avviso prevede dal pomeriggio di oggi precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, Lombardia, provincia autonoma di Bolzano e Veneto in estensione dalla mattinata di domani a Toscana ed Emilia-Romagna e dal pomeriggio all’Umbria.

I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Dalla mattinata di domani si prevedono poi venti forti dai quadranti settentrionali sull’Emilia-Romagna. Si prevedono mareggiate lungo le coste esposte. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi e domani allerta arancione per rischio idrogeologico sulla provincia autonoma di Bolzano. Per la giornata di domani è stata inoltre valutata allerta gialla su parte della Lombardia, Trento, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche ed Umbria e parte della Calabria.

La Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia, la cui attività è coordinata dall’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione Simona Bordonali, ha emesso una comunicazione di ordinaria criticità (Codice giallo) per rischio idrogeologico, idraulico, temporali forti e vento forte dal pomeriggio e sera di oggi e per la giornata di domani. Si chiede ai sistemi locali di protezione civile di porsi in una fase operativa di “Attenzione”, cioè di predisporre il sistema locale alla “pronta attivazione di azioni di contrasto, congruenti a quanto previsto nella pianificazione di emergenza comunale, per la salvaguardia della pubblica incolumità e la riduzione dei rischi”.

“E’ ora di togliere ogni dubbio su Ferragosto: il bel tempo dominerà, ma prima di questo giorno arrivano dal Nord Europa correnti molto fresche che si getteranno sul Mediterraneo e quindi anche sull’Italia, innescando temporali che dalle Alpi e il Nord-Ovest si porteranno verso il resto del Nord e quindi sulle regioni adriatiche e sugli Appennini, da domani”, spiega Antonio Sanò, fondatore del sito ilMeteo.it.

“Venti di bora e tramontana inizieranno a soffiare su tutti i bacini con conseguente importante calo termico. Da domani, infatti, le temperature scenderanno sotto la media del periodo di circa 5-6° con valori massimi che al Nord a stento toccheranno i 27-28° e non più di 29-30° anche al Centro-Sud” comunicano gli esperti. Per Ferragosto, però, “la pressione tornerà a conquistare l’Italia con il sole e il bel tempo che domineranno tutte le regioni”.

Quindi, “da venerdì e per circa una settimana il sole dominerà tutte le regioni e le temperature inizieranno a salire gradualmente fino a superare anche i 30°: così anche la notte delle stelle cadenti di San Lorenzo, il cui picco sarà tra il 12 e il 13 agosto, sarà salva”.

Intanto stamane un nubigragio si è abbattuto sulla Calabria, provocando tra l’alatro l’allagamento di alcuni reparti e della camera mortuaria dell’ospedale di Vibo Valenzia. In particolare, nella struttura ospedaliera l’acqua è filtrata nei locali in cui sono in corso da mesi interventi di ristrutturazione a seguito della comparsa di vistose crepe nel muro dovute allo sgretolamento dell’intonaco. I maggiori disagi si sono registrati nei reparti di ortopedia ed in parte di quello di ginecologia. Locali allagati anche nella sala dell’obitorio dove lo scorso inverno si era verificato un problema analogo. Sono stati interessati interi quartieri della città, con il livello dell’acqua che ha superato il mezzo metro soprattutto nella zona di Vibo Marina e Bivona. Allagati anche un sottopasso nel centro della città e altre strade. Numerosi tombini sono saltati, con disagi per il traffico. Tantissime le chiamate, con richieste di intervento anche dalla costa e dall’entroterra, al centralino del Comando provinciale dei vigili del fuoco.

È stata provvisoriamente chiusa al traffico, a causa di una frana provocata dalle piogge intense delle ultime ore, la strada statale 18 nel reggino. A comunicarlo è l’Anas. Le precipitazioni hanno provocato la caduta di detriti e fango sul piano viabile. Il traffico veicolare è deviato sull’Autostrada A3 Salerno Reggio Calabria agli svincoli di Scilla e Bagnara. L’Anas sta già intervenendo con le Squadre e l’impresa di manutenzione per ripristinare la circolazione nel più breve tempo possibile

Ti potrebbero interessare anche:

Venezia: al via piano restauri, da Palazzo ducale Ducale a Ponte Accademia
MONTAGNA/ Muore per caduta durante una gita con le ciaspe
PARMA/Rigamonti torna a casa con il figlio. Indagato per sottrazione minori
Prato, "Francesco Nuti picchiato dal suo badante"
TERREMOTO: BEFFA DI NATALE, CASETTE SPORCHE E DIFETTOSE
FOCUS/ INTESA SKY-MEDIASET, COME CAMBIA LA GUIDA TV



wordpress stat