| categoria: Cultura, olimpiadi 2016

OLIMPIA RACCONTA – Curiosità olimpiche

cinque-cerchi-olimpici-In questa puntata dallo scrigno della memoria tiriamo fuori le curiosità più divertenti ed interessanti che hanno accompagnato questi 120 anni di Olimpiadi moderne. Iniziamo con il simbolo che caratterizza le olimpiade: I 5 cerchi…

I cinque anelli come tutti sanno rappresentano i cinque continenti, ma non tutti forse sanno che in ogni bandiera esistente al mondo è contenuto almeno uno dei loro cinque colori (blu, giallo, nero, verde e rosso).
Durante la prima edizione dei Giochi moderni, ad Atene nel 1896, mancava… l’oro.
E Al vincitore andavano infatti una medaglia d’argento e un ramo d’ulivo, al secondo una medaglia di bronzo e al terzo nulla. Il più giovane partecipante alle Olimpiadi fu Dimitrios Loundras, un ginnasta greco che nel 1896 aveva 10 anni e conquistò il bronzo nelle parallele a squadre. Il più anziano è invece il tiratore svedese Oscar Swahn, capace di conquistare un bronzo alle Olimpiadi di Anversa del 1920 all’età di 72 anni!!!

Un’altra notizia curiosa che nemmeno io sapevo che tra i giornalisti inviati a seguire i Giochi, vi fu anche Gandhi, che nel 1932 fu reporter delle Olimpiadi di Los Angeles. Il primo maratoneta di colore a vincere una maratona olimpica fu invece l’etiope Abebe Bikila che trionfò, scalzo, nella magica serata romana del 1960.

Nel 1908, a Londra, l’americano Smithson corse i 110 m ostacoli con una Bibbia in mano. L’atleta era infatti molto credente e, poiché la gara si svolgeva di domenica, decise di correre con il sacro libro in mano per onorare il giorno santo; una decisione “saggia”: Smithson, infatti, vinse stabilendo anche un nuovo record mondiale.

In assoluto gli Stati Uniti detengono il record di medaglie olimpiche vinte alle Olimpiadi estive (2407, di cui 974 ori, 772 argenti e 661 bronzi).

<Ascolta la Puntata>

Fabrizio Silvestri – Giovanni Fenu

Ti potrebbero interessare anche:

Il racconto d'Italia attraverso la storia della Rai
IL CONVEGNO/1 – I mali di Roma 40 anni dopo. E’ cambiato poco o nulla
Pistoia, dal primo settembre torna il palio di Pescia
E' morto Zygmunt Bauman, grande filosofo e sociologo polacco
Picasso cubista e classico, lo stile fluido del genio
MOSTRE: FIRENZE, OMAGGIO A CANALETTO A PALAZZO PITTI



wordpress stat