| categoria: In breve, Senza categoria

False fatture, il Riesame: Ricucci incapace di fare impresa in modo lecito

«La vicenda mette in luce la totale incapacità del Ricucci di fare impresa in modo lineare, trasparente e prima di tutto lecito, non avendo esitato egli a rimettesti all’opera nell’unico modo che evidentemente conosce e che contempla quasi naturalmente il ricorso spregiudicato a schemi illeciti». È la descrizione che i giudici del riesame fanno del modo di operare dell’immobiliarista Roma Stefano Ricucci nell’ordinanza con la quale hanno respinto la richiesta di scarcerazione di quest’ultimo, finito agli arresti, lo scorso 20 luglio, per emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e dichiarazione fraudolenta. Nel motivare la decisione, gli stessi magistrati spiegano che, dati i precedenti dell’indagato che, tra l’altro, «riporta una condanna per occultamento o distruzione di documenti contabili», non è esclusa l’eventualità che, se rimesso in libertà o ristretto ai domiciliari, possa tornare a interferire con le indagini, anche «concordando versioni di comodo con gli altri protagonisti della vicenda, inducendo persone informate sui fatti a rendere dichiarazioni false o reticenti». Nello stesso documento, i giudici ricostruiscono poi il passato di di Ricucci, «gravato» anche da precedenti per violazione della norme in materia di intermediazione finanziaria, ostacolo all’esercizio delle funzioni d vigilanza, appropriazione indebita, infedeltà patrimoniale, corruzione, emissione di fatture per operazioni inesistenti. Tutti reati per i quali ha patteggiato una pena di 4 anni. «È dunque altamente probabile, se non certo -scrive il riesame- che si ripresentino all’indagato occasioni prossime favorevoli alla reiterazione di delitti della stessa specie, che lo stesso torni a delinquere e che cerchi di influire sulla raccolta della prova, avendo egli dato prova di particolare pervicacia, determinazione criminosa, totale indifferenza alle conseguenze sanzionatorie delle proprie iniziative, non avendo esitato a replicare schemi illeciti a lui noti nonostante le condanne subite e nonostante la pendenza a suo carico per bancarotta fraudolenta». In particolare, per quanto riguarda la scelta di mantenere la misura degli arresti in carcere, i giudici affermano: «Si impone il mantenimento della misura di massimo rigore, non vedendosi quale affidamento si possa riporre sulle capacità e disponibilità dell’indagato di prestare osservanza alle prescrizioni correlate alla misura degli arresti domiciliari». Anche il braccialetto elettronico, si sottolinea nell’ordinanza, «è del tutto inidonea ad impedire che il Ricucci, anche avvalendosi di un semplice smartphone o un tablet, continui ad operare dal proprio domicilio, in particolare ripristinando i contatti con altri soggetti coinvolti nella vicenda illecita, dando loro disposizioni finalizzate alla distruzione/occultamento di documenti rilevanti, spostando capitali, nominando prestanome, lanciandosi in nuove speculazioni finanziarie».

Ti potrebbero interessare anche:

Il principe Harry ammette: in Afghanistan ho ucciso diversi talebani
CORTEI/ In totale 15 fermati, otto feriti tra le forze dell'ordine, disinnescati tre ordigni
Cade dalla finestra dell'università, studente muore a Padova
Donna uccisa a coltellate in auto a Catania
Green Hill,tre condanne e un'assoluzione. Il caso dei cani beagle allevati per esperimenti
Responsabilità delle toghe, l'Anm boccia la linea dura, niente sciopero



wordpress stat