| categoria: litorale

Le sei spiagge “malate” del Litorale laziale

550x188x1908400_spiagge_jpg_pagespeed_ic_TqJfzvuJAbSono sei, nel Lazio, i punti dove il mare è da troppi anni inquinato, il 12% del totale nazionale, tutte foci: la foce del Fosso Grande di Ardea, del Tevere a Roma, del Marta a Tarquina, del Rio Torto a Pomezia, del Chiarone a Montalto di Castro e del Loricina in mezzo alle spiagge di Nettuno. Sono i punti «malati cronici», cioè dove i prelievi sono risultati inquinati almeno 5 volte dal 2010 a oggi.

«Il mare del Lazio è inquinato dalle foci, e quindi dalla mancata depurazione – spiega Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio, in occasione della chiusura di Goletta Verde 2016, la campagna nazionale di Legambiente – un litorale fatto di splendide porzioni di costa è messo a dura prova dagli scarichi civili provenienti dai reflui dei comuni costieri e dell’entroterra. Serve un’azione determinata che veda coinvolti tutti gli stakeholders della blu economy e quanti hanno a cuore la qualità ambientale

Ti potrebbero interessare anche:

Blitz della Finanza contro il clan Fasciani, arresti e sequestri sul litorale
Fiumicino potenzia la differenziata, due isole ecologiche a Fregene
Ostia, verranno aperti altri 15 varchi per arrivare al mare
OSTIA/ Nuovo blitz dei vigili sul lungomare. Sequestrato un altro stabilimento
L'INTERVENTO/ Sabaudia, ripensare l'urbanistica della città
Giovanni Malagò, Frida Giannini e Maria Latella Ambasciatori di Sabaudia



wordpress stat