| categoria: esteri

Trump va all’attacco dei giornalisti, tutti corrotti

I media sono «disgustosi» e «corrotti». Donald Trump lancia l’attacco ai giornalisti americani, accusati di non coprire in modo appropriato i suoi eventi e di travisare il significato delle sue parole. «Non corro contro Hillary, corro contro la stampa» afferma Trump, convinto che se la copertura dei suoi eventi fosse onesta sarebbe avanti del 20% su Hillary. Un affondo soprattutto contro il New York Times, al quale valuta di ritirare l’accredito per la campagna elettorale. È un affondo che rischia di alienargli ancora di più l’appoggio del partito, che già sta valutando di tagliare i fondi al tycoon. Nonostante il sostegno pubblico, il Republican National Committee ha avviato infatti la discussione sulle prossime mosse, fissando la scadenza a ottobre: se Trump continuerà per la sua strada senza badare alle indicazioni del partito e se sarà indietro nei sondaggi, a ottobre i repubblicani metteranno fine agli aiuti finanziari al candidato, dirottandoli sulla campagna per il rinnovo del Congresso. Nei sondaggi Trump continua a perdere terreno. Secondo le rilevazioni della Cbs, il tycoon è avanti a Hillary Clinton in Georgia di 4 punti, con il 45% delle preferenze contro il 41% della rivale. Trump è però indietro in Florida, dove Hillary ha il 45% e il tycoon il 36%, e in New Hampshire, dove il margine di vantaggio di Clinton è di nove punti. Il nuovo sondaggio è un’altra doccia fredda per Trump, che arriva dopo dieci giorni neri. Gli sforzi del suo staff di tenerlo sotto controllo e di guidarlo nel veicolare il suo messaggio sono caduti ripetutamente nel vuoto. La conferma arriva dalla descrizione di Trump degli elettori: i due termini più ricorrenti sono «non qualificato» e «razzista». Ma Trump – sostiene la sua campagna – un messaggio ce l’ha e sarebbe anche positivo, se non contornato da gaffe. Nonostante gli scivoloni recenti, con l’invito indiretto al popolo delle armi a fermare Hillary, il partito repubblicano cerca di mostrare il suo appoggio. Nelle ultime ore a sorpresa Reince Priebus, il presidente del Comitato Nazionale, lo ha introdotto sul palco, invitando il pubblico a non credere alla «spazzatura» che si legge. Priebus, secondo indiscrezioni, starebbe lavorando con Trump, con ripetute telefonate quotidiane per aiutarlo e per offrire indicazioni che, se rispettate, gli consentiranno di poter continuare a godere dell’appoggio del partito. Trump però sembra voler proseguire sulla strada di una campagna non convenzionale, anche a costo di perdere. Nonostante i suoi sforzi, Trump non è a suo agio – riferiscono fonti della sua campagna – nel ruolo di tipico candidato, è disorientato dalle correnti che deve ora navigare con equilibri da rispettare e cede impulsivamente alla sua formula pugilistica che lo ha spinto alla conquista della nomination.

Ti potrebbero interessare anche:

AFGHANISTAN/ Ballottaggio per il successore di Karzai
Nuovo video, l'Isis decapita un milizano curdo in Iraq
Prova di maturità della Tunisia, al voto senza problemi
Obama conferma, l'ostaggio Usa in mano all'Isis è morta
Bimba kamikaze fa strage, il Camerun chiude le Moschee
Merkel: prenderemo centinaia di migranti da Italia e Grecia



wordpress stat