| categoria: attualità, salute

TERREMOTO – L’esperto: lo stress non curato può far male al nostro cuore [AUDIO]

 Alle morti, ai feriti più o meno gravi, alla perdita dei beni materiali e del senso di sicurezza, disastri ambientali come i terremoti che periodicamente interessano l’Italia, si aggiungono danni più subdoli e troppo poco presi in considerazione.
Ci sono infatti effetti sulla salute anche a lungo termine che vengono poco considerati quando l’emergenza richiede nervi saldi per salvare se stessi e il maggior numero di vite umane. Una emergenza che diventa sopravvivenza prima e bisogno di tornare il prima possibile alla normalità, quando possibile.
Ma gli specialisti in Cardiologia, riuniti dal 27 al 31 agosto a Roma per il Congresso Europeo ESC lanciano l’allarme: curare le ferite fisiche ma anche gli aspetti psicologici, in un vero percorso di recupero che scongiuri il rischio di sviluppare stati di stress cronico che è noto avere effetti sulla salute cardiaca.

“Un meccanismo complesso a cui si deve rispondere con politica di assistenza psicologico-sociale alle popolazioni colpite dal sisma per non rischiare tra 5-10 anni di assistere ad un picco epidemiologico che potrebbe interessare il 15% della popolazione privi di una storia di malattie cardiovascolari anche in pazienti altrimenti sani” aggiunge il Prof. Michele Gulizia, Direttore Cardiologia Ospedale Garibaldi di Catania e Local Press Coordinator del Congresso “Da non sottovalutare anche l’esposizione acuta e per molte settimane a polveri e particelle ultra fini, macerie, amianto, diossina, metalli pesanti come piombo e residui di lampadine e strumenti elettrici, che possono causare problemi respiratori, tosse, secchezza delle mucose. Fenomeni che a seconda dell’ampiezza delle aree interessate da crolli possono essere sovrapponibili a quella che fu chiamata ‘la Sindrome di Ground Zero’ che interessò centinaia di abitanti e soccorritori esposti alle macerie e ai fumi, che, venne calcolato, contenevano detriti in cui erano presenti oltre 2500 contaminanti tossici, che colpì occhi e apparato respiratorio in primis ma che dopo anni dopo furono collegati anche ad alcuni casi di tumore, nei soggetti esposti alle fasi di pulitura delle macerie nei mesi successivi”.

INTERVISTA AL PROF. MICHELE GULIZIA

Per ascoltare la sintesi dell’intervista, sui pericoli dello stress, <clicca qui>

Per ascoltare la versione integrale <clicca qui>

Ti potrebbero interessare anche:

Tragedia del mare in Libia, almeno 40 migranti morti
Altro che cioccolato, la causa dell'acne potrebbe essere un eccesso di vitamina B12
Merano, crocevia di aspiranti Jihadisti
«In Italia attesi terremoti fino a 30 volte più forti di quello di Amatrice»
I primi 80 anni di Berlusconi
MIGRANTI: QUINDICI MINORI NON ACCOMPAGNATI A BORDO SEA WATCH OSPITI A CATANIA



wordpress stat