| categoria: sanità

L’appello di Papa Francesco al raduno dei cardiologi: “Curare anche ai poveri”

papafrancesco-febbraioPapa Francesco arriva nel mezzo del nubifragio che sta mandando in apnea mezza Roma. Sorride, sotto un cielo nero come la pece. «Lei per noi è un raggio di sole», lo accoglie Pietro Piccinetti, ad della nuova Fiera.
E in effetti nella landa desolata dell’immensa struttura sulla Roma-Fiumicino, che da giorni ospita “Esc” il più grande congresso europeo di cardiologi, il pontefice sembra riportare la radiosità dell’estate. «E’ la prima volta che un Papa partecipa a una manifestazione di questo genere — dicono con orgoglio gli organizzatori », mentre su una piccola auto Bergoglio fa il suo ingresso al padiglione 6, tra i medici arrivati da 160 Paesi del mondo, pronti a immortalare il momento col cellulare. Qualcuno è venuto fin qui portandosi dietro i bambini. Francesco si ferma, li accarezza, li bacia. E scoppia l’applauso quando prende in braccio un frugoletto di 6 chili o poco più, che sgambetta dentro la tutina a righe bianca e azzurra.
Parla del cuore, naturalmente, il santo Padre davanti alla platea dei cardiologi. «Quanta simbologia si nasconde in questa parola e quante attese vengono riposte in questo organo umano», dice. «Tra le vostre mani passa il centro pulsante del corpo, pertanto la vostra responsabilità è grande».
I cardiologi ascoltano in silenzio. E sorridono quando Bergoglio ammette «anch’io sono finito qualche volta nelle vostre mani ». Rivolgendosi anche alle strutture sanitarie pubbliche e private, il Papa ricorda gli ultimi. Quelli che non possono permettersi, cure, prevenzione, medicinali: «A loro giunga la vostra cura. Dobbiamo lottare perché non ci siano scartati, in questa cultura dello scarto che viene proposta». I cardiologi annuiscono. «Molto ancora potrebbe essere fatto — spiega il presidente di “Esc”, Fausto Pinto — Solo in Europa c’è quasi un milione e mezzo di persone sotto i 75 anni che muore ogni anno a causa di infarti e ictus perché, in molti casi, non ha ricevuto un aiuto sanitario tempestivo ed efficace». E poi ci sono i bambini. Roberto Ferrari e Francesco Cosentini, sono responsabili di “European Heart for Children”. «Stiamo aiutando i bimbi con cardiopatie in Marocco — raccontano — per raccogliere fondi abbiamo creato un francobollo e il Vaticano lo stamperà». Poi arriva il momento dello scambio dei regali. Un rosario per i partecipanti, uno stetoscopio per Francesco.

Ti potrebbero interessare anche:

Quanto è corrotta la sanità italiana? Non si salva quasi nessuno
Al(Z) cinema! nei panni del malato di Alzheimer
Giornata mondiale della reumatologia. Domenica screening gratis
In stato vegetativo da 15 anni, recupera stato minimo coscienza
Tra straordinari e turni notturni, la 'festa' degli Infermieri
Coronavirus, Oms ai giovani: "Può uccidere anche voi"



wordpress stat