| categoria: Dall'interno

Cimitero allagato e le tombe sprofondano: scoppia la protesta a Lecce

550x189x1954737_tombe_lecce_jpg_pagespeed_ic_n2maz6zz-e
I forti acquazzoni e le raffiche di vento di queste ore, infatti, hanno provocato delle piccole frane nel terreno del camposanto: la terra che ricopriva le bare ha ceduto e numerose tombe sono sprofondate proprio a causa della massiccia quantità di acqua assorbita dal terreno. Non mancano poi danni alle lapidi che risultano danneggiate e, in alcuni casi, frantumate. A essere più colpita, la quarta sezione del camposanto, dove ogni anno si celebra la funzione religiosa nel giorno della commemorazione dei defunti.

Al momento tutta la sezione è stata circoscritta per impedirne l’accesso e garantire la sicurezza: l’area ricoperta da fango e detriti risulta essere impraticabile, difficile da raggiungere per i visitatori che in questi giorni si sono trovati davanti uno scenario poco piacevole e che ha creato molti malumori. Numerose, infatti, sono le lamentele da parte di numerosi cittadini, poco felici di vedere le bare dei propri cari oltraggiate dalla pioggia, e che hanno documentato con foto e segnalazioni, una situazione «molto spiacevole perché vedere questi posti sacri ricoperti dal fango e ridotti in questo modo è veramente difficile da sopportare. Possibile che non si possa fare niente per evitare questi problemi?». Non manca, infatti, chi pone seri dubbi sui lavori di tumulazione eseguiti negli ultimi anni: interventi che, secondo alcuni cittadini, risultano essere «superficiali quando forse bastava bagnare la terra e comprimerla in maniera più adeguata, o magari miscelarla con un po’ di breccia grossa oppure fare una piccola soletta di cemento». I problemi potrebbero però non essere finiti. L’ondata di maltempo dovrebbe continuare anche nei prossimi giorni: pioggia e vento sono previsti per tutta la settimana e la conta dei danni e dei disagi potrebbe quindi aumentare. Nel frattempo, gli interventi di ripristino sono già iniziati: la ditta responsabile della manutenzione ha effettuato i primi sopralluoghi ed è già a lavoro per ripristinare il terreno danneggiato dal maltempo.

«Purtroppo questi per noi non sono casi straordinari – afferma l’assessore ai Lavori Pubblici Gaetano Messuti -. Ogni volta che si presentano forti temporali e acquazzoni, come in questi giorni, questo tipo di danni al terreno e alle bare sono praticamente inevitabili. Comunque stiamo già provvedendo per risolvere i problemi. Insieme con gli operai della Lupiae Servizi ci siamo già attivati per riportare la situazione alla normalità, aggiungendo terra laddove si sono verificati i danni maggiori. Non possiamo fare diversamente». Nessuna anomalia durante i lavori di tumulazione quindi: «Quando ci sono piogge forti e temporali questi disagi sono “normali” purtroppo – ribadisce l’assessore Messuti -. Non ci sono soluzioni alternative per evitare questo tipo di problemi».

Ti potrebbero interessare anche:

'Ndrangheta, arrestato giudice Giancarlo Giusti
ILVA/ Tre giorni di cortei, ma la partita sul futuro del gruppo deve ancora iniziare
Rubata la reliquia di don Bosco, sparita l'urna col cervello
Ventiseienne muore precipitando dal Sella
Papa Francesco: «Sulla pedofilia la Chiesa ha affrontato crimini in ritardo»
Aggrediscono prof dopo 4 alla figlia



wordpress stat