| categoria: Roma e Lazio

Neonato muore all’Umberto I, la Procura apre un fascicolo

1961333_pckg_430147372188863505-20160913_jpg_pagespeed_ce_7flm91v56kE’ durata tredici ore la vita di un bimbo nato giovedì al Policlinico Umberto I. Il giorno dopo ogni speranza si è spenta. Sul caso ora in procura è stato aperto un fascicolo, al momento senza indagati, con l’ipotesi di reato di omicidio colposo. Il padreha presentato subito una dettagliata denuncia contro la struttura sanitaria, ipotizzando una serie di ritardi. Il più grave, secondo lui, il ritardo con il quale sarebbe stato deciso di intervenire con il parto cesareo. Così già nella giornata di venerdì 10 settembre, il giorno del decesso del piccolo, il sostituto procuratore di turno Maria Gabriella Fazi ha disposto l’apertura di un fascicolo. Un atto dovuto, come in altri casi analoghi. Alla luce degli accertamenti, la natura del decesso potrebbe rivelarsi anche una morte bianca in culla. Il bimbo, venuto alla luce alla trentasettesima settimana, nonostante la sofferenza mostrata durante la nascita sembrava all’apparenza sano. «Vogliamo sapere cosa è successo durante il parto – hanno denunciato i genitori – Vogliamo capire perché non potremo crescere nostro figlio». Gli accertamenti giudiziari sono stati subito attivati. Il magistrato, ieri, ha incaricato il medico legale Fabio De Giorgio, docente dell’istituto di medicina dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, di accertare le cause della morte del neonato. Ma i risultati potrebbero tardare. Dai primi accertamenti non sembra che siano emersi gravi patologie del piccolo. E quindi per approfondire l’esame autoptico, bisognerà attendere i risultati dei prelievi istologici e leggere la cartella clinica della madre.
La procura ha disposto il sequestro della documentazione riguardante la paziente per ricostruirne gli ultimi giorni di gravidanza, a partire dal ricovero, in particolare gli ultimi monitoraggi cardiotocografici fetali eseguiti nello stesso ospedale. Saranno acquisite inoltre anche le certificazioni mediche eseguite dalla gestante durante l’intero periodo di attesa. La documentazione al completo poi sarà messa a disposizione del medico legale per far luce sul caso.

Ad agosto una tragedia analoga. Un neonato è morto a pocheore dalla nascita, dopo un parto cesareo eseguito all’ospedale Villa San Pietro. Era un gemello. Il fratellino ce l’ha fatta, lui no. Anche in questo caso i genitori, una giovane coppia di nazionalità romena, hanno denunciato e la procura come atto dovuto ha avviato le indagini. Per accertare eventuali responsabilità il sostituto procuratore Attilio Pisani aveva sequestrato la placenta, la cartella clinica e disposto l’autopsia sul feto. Un esame clinico affidato al professore Antonio Oliva, sempre del policlinico Gemelli. Negli ultimi due monitoraggi cardiaci dei feti era stato rilevato il rallentamento del battito di uno dei piccoli. Un segnale, secondo i genitori, sottovalutato.

Ti potrebbero interessare anche:

Nomadi, ecco 15 roulottes al parcheggio del Verano
GIUBILEO/ No a fondi per Roma, ma patto di stabiità più flessibile
Parentopoli Ama, l'ex ad Panzironi condannato a 5 anni
Sarà un concertone blindato: metal detector, vietati botte e bottiglie di vetro
La Raggi proroga l'incarico al presidente dell'Ama
NEL 2018 RIMOSSE 6.000 TONN INGOMBRANTI ABBANDONATI SU STRADA



wordpress stat