| categoria: sanità Lazio

Un dg alla volta, via libera alla nomina di Mostarda alla Asl dei Castelli

commissione VII Salute e politiche sociali del Consiglio regionale, presieduta da Rodolfo Lena (Pd), ha votato oggi a maggioranza il parere favorevole sulla proposta di decreto n. 11340 del 28 luglio 2016, riguardante la nomina a Direttore generale dell’Azienda sanitaria locale Roma 6 del dott. Narciso Mostarda. Nato ad Anagni il 25 marzo 1962, già direttore sanitario alla Asl Rm/H, laureato in medicina e chirurgia con specializzazione in neuropsichiatria infantile e management, in precedenza il dott. Mostarda ha prestato servizio in qualità di dirigente psichiatra alla Asl Rm/C e alla Asl di Frosinone. Dal gennaio scorso si è occupato della gestione straordinaria e temporanea dell’Ospedale Israelitico di Roma ed è docente presso il corso di laurea Infermieristica della Sapienza di Roma.Riserve erano state avanzate dalle opposizioni, che hanno poi espresso un voto contrario; in particolare, Francesco Storace (La destra), pur senza nulla eccepire sulle qualità professionali di Mostarda, ha chiesto perché non si sia atteso che le certificazioni richieste dalla Regione a proposito del nominando fossero state ottenute e ha domandato chiarimenti su una situazione riguardante i dipendenti della Asl in questione, cui sono stati richiesti rimborsi di buoni pasto per un totale di alcune centinaia di euro ciascuno.

Da Davide Barillari (Movimento 5 stelle), obiezioni sul procedimento, poco trasparente, a suo avviso, di nomine di persone che in molti casi non vengono neanche ascoltate in commissione e sul nominando, di cui, per Barillari, si evince dal curriculum la scarsa esperienza amministrativa, avendo egli “svolto prevalentemente un’attività tecnica”. Antonello Aurigemma (Forza Italia) ha avanzato la richiesta di una pianificazione e razionalizzazione dei lavori sulle nomine, atta a economizzare il tempo disponibile.

A queste obiezioni ha replicato Alessio D’Amato, responsabile della cabina di regia della sanità regionale, che si è impegnato a fornire i chiarimenti richiesti e in particolare ad approfondire la questione della vertenza dei lavoratori della Asl. Il direttore della Direzione regionale salute e politiche sociali Vincenzo Panella ha poi chiarito il carattere obbligatorio delle verifiche richieste a carico del nominando, che comunque saranno completate prima di procedere alla nomina effettiva.

Ti potrebbero interessare anche:

IDI/ Potrebbero finire all'asta le attività sanitarie del Gruppo
Zingaretti-D'Amato, disavanzo a -284 milioni. Dimezzato rispetto al 2013
Verifica sull'operato dei manager di Asl e Aziende ospedaliere, si parte
Inaugurato nuovo blocco operatorio all'Ifo: più interventi e più sicurezza
VITERBO/ AL BELCOLLE LABORATORI DI BELLEZZA GRATIS PER PAZIENTI ONCOLOGICHE
ASL VITERBO/ BELCOLLE: INAUGURATA LA NUOVA TAC



wordpress stat