| categoria: In breve

Per 30 giorni fermo biologico pesca da sud Puglia a Liguria

Le paranze della Puglia meridionale resteranno in rada per 30 giorni sino al 16 ottobre. Dal 17 settembre, in ottemperanza del decreto ministeriale firmato lo scorso 7 luglio dal sottosegretario alle Politiche agricole, alimentari e forestali, Giuseppe Castiglione, delegato alla pesca, dovranno anche osservare il fermo pesca obbligatorio le imbarcazioni immatricolate nei compartimenti marittimi dello Jonio occidentale e Tirreno, dalla Calabria sino alla Liguria.

Il blocco delle attività della pesca in vigore dal 1987, ormai da 30 anni lungo la costa da Trieste a Imperia, è stato articolato per aree in tre differenti periodi “per garantire – recita il decreto – un idoneo equilibrio tra risorse biologiche e l’attività di pesca”.

In relazione alla “sospensione obbligatoria dell’attività di pesca non imputabile alla volontà dell’armatore” per i marittimi imbarcati è prevista l’erogazione del trattamento di Cassa integrazione guadagni in deroga, attivata presso il ministero del Lavoro, per l’intera durata del periodo di fermo. Sino al prossimo 26 settembre vige il fermo pesca obbligatorio anche per

Ti potrebbero interessare anche:

TURCHIA/Fotografo italiano rischia 7 anni carcere: "Incredulo"
Truffa con i fondi Ue, sequestrati 24 milioni a una impresa di Palermo
COPPA ITALIA/ Scontri pre-partita a Roma, due tifosi feriti. Colpito anche un agente
Bullismo in gita, studenti sospesi, difesa a spada tratta delle mamme
Grillo, no a candidati massoni per Roma e stop a collegamenti con liste civiche
Paura a Montecarlo, assalto a Cartier: i banditi in fuga incendiano l'auto



wordpress stat