| categoria: gusto

Funghi in tavola? Serve un buon vino

funghiI funghi sono tra i prodotti della natura più preziosi, ricercati e graditi. Preparati e graditi in tutte le salse, si può dire, ingredienti nobili, li troviamo nei piatti di tutto il mondo: buonissimi da mangiare, sono anche in grado di farci stare meglio, non solo per le loro proprietà ma anche per quello che evocano. Andare per funghi è un modo piacevole e salutare di passare una giornata passeggiando nei boschi e tra le montagne del Bel Paese. Dai funghi porcini ai famosi chiodini, vediamo sette curiosità su questo alimento, che in Italia si trova prevalentemente tra gli Appennini e le Alpi… o al mercato. Non tutti sanno che i funghi erano una fonte nutritiva davvero importante per gli uomini dell’antichità, tanto da giocare un ruolo fondamentale in racconti, miti e fiabe. Si narra ad esempio che l’eroe greco Perseo, dopo un lungo viaggio, riuscì a trovare ristoro grazie all’acqua raccolta dal cappello di un fungo. Decise allora di mostrare la sua gratitudine fondando una colonia e dandole il nome Micene, che deriva dal greco “mikes”, fungo. Alcuni funghi sono minuscoli, ma altri raggiungono dimensioni da campioni! Alcuni, infatti, se lasciati crescere possono arrivare a pesare anche 14 kg e raggiungere perfino i 40 cm di altezza, come ad esempio le mazze da tamburo. Alcune specie hanno cappelli così ampi da raggiungere i 50 cm di diametro: praticamente dei piccoli ombrelli. Se esistono tante ricette che vedono protagonisti i funghi. L’importante è saper scegliere anche un buon vino da accostare. Ecco alcuni consigli degli esperti del CentroVini Arcioni:

Insalata e ovuli e funghi porcini -Sauvignon Livio Felluga

Porcini al forno – Spumante Franciacorta Saten Monterossa

Risotto ai funghi -Rosso di Montalcino Cinelli Colombini

Fettuccine con funghi – Vertigo Livio Felluga

Zuppa di funghi – Rosato Ritterhof

Tagliata di manzo con ovuli e porcini – Nebbiolo, Sordo


LE SCHEDE

NEBBIOLO, SORDO

Rosso granato intenso alla vista. Al naso arrivano inizialmente sentori di frutta a bacca rossa, poi seguiti da toni eterei, da sfumature speziate e da richiami al tabacco. La bocca è di buon corpo, calda ed equilibrata, ben lavorata nella trama tannica e caratterizzata da un’ottima lunghezza.

Nata nei primi anni del Novecento, l’azienda agricola Sordo è stata fondata da Giuseppe Sordo, e come nelle migliori tradizioni familiari, è oggi condotta dal nipote dello stesso Giuseppe

Denominazione: Nebbiolo d’Alba DOC ;Vitigni: nebbiolo 100%,; Alcol: 13.5%; Formato: 0.75l; Consumo ideale: 2016/2022

Temperatura di servizio: 16/18 °C ; Abbinamenti: primi piatti, cucina di terra; Momento per degustarlo: pranzo tra amici

Giudizio di Tannico: 83/100

SPUMANTE FRANCIACORTA SATEN MONTEROSSA

Alla vista appare giallo paglierino, ha spuma abbondante e perlage finissimo. All’olfatto esprime sentori floreali e di frutti tropicali accompagnati da fragranze tipiche. Al gusto brioso e fresco, sapido e sopportato da un corpo più che appropriato

Regione: Lombardia; Tipologia: Spumanti;Uvaggio: Chardonnay 100%; Vitigno: Chardonnay

Gradazione: 12,5%; Contenuto: 0.75 lt; Produttore: Monte Rossa;Anno: Annata corrente

Conservazione: 2 – 3 anni; Abbinamento: Perfetto per accompagnare antipasti, è ideale in abbinamento a piatti a base di pesce e sushi.;Servizio: Va servito a 8 – 10° C

Francesco Vitale

Ti potrebbero interessare anche:

Festival di Firenze, vince il gelato al pecorino "fiore sardo"
Vino, il mercato Usa continua a correre: + 1,5% nel 2013
OLIO/Cresce l'export: nel 2013 +10% su 2012
New York celebra la grande cucina italiana
A Firenze premiazione concorso Chocolate Awards
Food selfie per un italiano su 3, il cibo al top nei ricordi


wordpress stat