| categoria: Dall'interno, Senza categoria

Napoli, San Gennaro: miracolo alle 10

102025469-9f76f640-2f3b-4f1a-bb33-7f956207150aNella cappella dove sono custodite le ampolle del sangue di San Gennaro i fedeli applaudono e gridano al miracolo avvenuto. Il sangue del santo, ha detto il cardinale Sepe, “era già sciolto quando l’ho prelevato dalla teca”. Sono le 10.38 quando Sepe annuncia che c’è stata la liquefazione del sangue, precisando che quando alle 10 ha preso le ampolle il sangue era già liquefatto.

“In questa città – ha detto Sepe durante l’omelia – non tutti possono beneficiare delle stesse opportunità di crescita sociale. I poveri sono considerati cittadini a metà. La mancanza di lavoro è la causa di queste diseguaglianze ed è anche causa della grave crisi di legalità.”.

“Il crimine organizzato – prosegue il cardinale – è la piaga più purulenta da estirpare, perché capace di contaminare e offendere un corpo sociale già debole e provato. Contro questo continuo tentativo di oltraggio alla nostra città oggi celebriamo la festa del nostro patrono per affermare con forza che i mercanti di morte e i professionisti della violenza non prevaranno sulla dignità, la pace e la civile convivenza. Oggi constatatiamo che, accanto a modelli di vita tradizionale, vanno affermandosi linguaggi, stili di vita e simboli che propongono nuovi orientamenti di vita e simboli che propongono nuovi orientamenti di vita, spesso in contrasto con il Vangelo di Gesù”

Tra gli ospiti della celebrazione officiata dal cardinale Crescenzio Sepe anche il vescovo metropolita Aristarch di Kuzbass-Kemerovo, nella Siberia sud-occidentale. Con lui anche padre Mikayl, cappellano della comunità russo-ortodossa di Napoli, e il vescovo vietnamita Giuseppe Do Manh Hung. Tra le autorità religiose locali, i vescovi ausiliari di Napoli Lucio Lemmo, Gennaro Acampa e Salvatore Angerami; il vescovo di Benevento Felice Accrocca e il vescovo di Acerra Antonio Di Donna. Tra le autorità civili, il sindaco di Napoli e presidente della Deputazione di San Gennaro, Luigi de Magistris, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca; l’ex sindaco ed ex governatore Antonio Bassolino. Presenti anche i principi Camilla e Carlo di Borbone e il ministro svizzero per gli Affari diplomatici e politici, Pietro Lazzeri.

Circa venti persone che occupano un palazzo della Curia nel centro di Napoli hanno manifestato davanti al Duomo mentre erano in corso le celebrazioni. I manifestanti hanno esposto lo striscione: “Ci vuole un miracolo perché la Curia accolga i senzatetto di piazza Miraglia?”.

Ti potrebbero interessare anche:

Piano bilancio Usa, 4600 miliardi di tagli alla spesa in dieci anni
ANNIVERSARIO MORO/ Grasso: il ricordo non basta, serve la verità sul terrorismo
'Ndrangheta in Umbria, 61 arresti. Sequestri per 30 milioni
BARI/ Rapina a portavalori, commando attacca in stile militare
E' boom di imprese straniere nel commercio: +7mila nel 2016, ma spariti 5mila negozi
Sisma, 44 i Comuni abruzzesi mappati



wordpress stat