| categoria: In breve, Senza categoria

Prostituzione e droga nel torinese, controllavano ragazze con una app

Una App spia, installata sui loro cellulari, controllava i movimenti delle prostitute. E i loro guadagni venivano reinvestiti nella produzione industriale di marijuana. E’ quanto hanno scoperto i carabinieri del Comando provinciale di Torino, che hanno arrestato dieci albanesi. Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di reclutamento, sfruttamento e induzione alla prostituzione. Tra le accuse anche usura, estorsione, lesioni aggravate e produzione di droga.

I militari della Compagnia di Torino Oltre Dora, grazie ad una indagine durata diversi mesi, hanno scoperto le coltivazioni di canapa indiana in boschi isolati e in aree appositamente disboscate per la droga. Oltre 4 mila le piante di marijuana, per un valore di diversi milioni di euro, sequestrate dai carabineri.

Ti potrebbero interessare anche:

"La via degli etruschi", percorso di trekking archeologico
Tuscolano, 45enne suicida. Si è impiccato sul palcoscenico del suo club
SCHEDA/ Dai marchi storici a Grom, le conquiste straniere
Gianotti pronta a guidare il Cern, la "ferrari" della fisica
Emergenza topi al Colosseo, chiudono le biglietterie
Francia, arrestato dirigente del Senato: «Era una spia della Corea del Nord»



wordpress stat