| categoria: Dall'interno

I furbetti del badge, 33 indagati al Comune di Biella

f7102a4c1592b0236abecb9f4aad710d Si assentavano “sistematicamente ed ingiustificatamente” dal lavoro, senza registrare l’uscita, per svolgere attività non connesse al servizio, anche ludica.
Trentatré dipendenti del Comune di Biella sono indagati, a vario titolo, dalla Procura di Biella per truffa a danno dello Stato, peculato e falso. I furbetti del cartellino, secondo l’accusa, delegavano la timbratura del badge a colleghi compiacenti e utilizzavano automezzi di proprietà comunale per il disbrigo di commissioni personali.
Le indagini dei carabinieri, su delega della Procura, è cominciata lo scorso aprile, con l’ausilio di intercettazioni telefoniche e video riprese in prossimità dei lettori badge installati all’ingresso di due sedi del Comune di Biella. A farla scattare sono stati gli accertamenti nei confronti di un dipendente sul conto del quale l’amministrazione aveva rilevato comportamenti anomali. Per otto dipendenti è stata disposta anche la misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Biella.

Ti potrebbero interessare anche:

Rapinatore con la pistola giocattolo nel Napoletano, gioielliere lo uccide
Protesta disabili a Pescara, carrozzine occupano parcheggi
VATICANO/ Giubileo, il card.Vallini: ho fiducia, Roma fa miracoli
Figlio disabile in Sicilia, madre insegnante a Milano: negata l’assegnazione provvisoria
IL CASO/1 - Ilaria Cucchi: "Avremo un processo per omicidio"
Piovono asteroidi, bufera social su spot Buondì Motta



wordpress stat