| categoria: gusto

Tuscia, è tempo di castagne, centocinquanta feste in un mese

Torna l’atteso appuntamento delle feste della Castagna nella Tuscia, con oltre 150 eventi dal 29 settembre al 1° novembre tra Soriano nel Cimino, Caprarola, Vallerano, Canepina, San Martino al Cimino e Latera. Si tratta della dodicesima edizione che vedrà, come sempre, protagoniste, le castagne in degustazioni, show cooking, cene in cantina, stand gastronomici e rievocazioni storiche all’insegna della promozione del territorio mediante le sue identità gastronomiche. Questa mattina, presso la Camera di Commercio di Viterbo, le feste della castagna sono state presentate dal presidente Domenico Merlani, dal segretario generale Francesco Monzillo, dall’assessore comunale Sonia Perà e dai sindaci dei comuni coinvolti nella kermesse. Il presidente Merlani ha sottolineato come queste feste siano in grado di valorizzare le tradizioni del territorio. Le castagne, insieme al vino ed all’olio, identificano la Tuscia. Per quanto riguarda le castagne, però, le infestazioni da cinipide prima e poi le recenti avverse condizioni climatiche hanno creato non poche difficoltà alla produzione. In quest’ambito, quindi, il segretario Monzillo ha evidenziato l’importanza del tavolo di lavoro realizzato con l’università della Tuscia, le associazioni di categoria ed i professionisti del settore, volto a monitorare lo stato di salute delle castagne, ponendo dei paletti all’uso indiscriminato di pesticidi e fornendo utili consigli ai produttori. Le feste della castagna avranno inizio a Soriano nel Cimino (dal 29 settembre al 9 ottobre). Il sindaco Fabio Menicacci ha ricordato come a Soriano si tratti della 49esima edizione. “Avremo un cartellone fitto di momenti culturali e rievocazioni storiche all’insegna del frutto che per questo territorio è stato il pane quotidiano di molte generazioni” – ha commentato. Clou dell’evento il Palio delle Contrade con le caratteristiche cene medievali, che coinvolgerà le quattro contrade cittadine di Papacqua, Rocca, San Giorgio e Trinità. Inoltre, in favore della città di Amatrice, il cui sindaco Sergio Pirozzi , allenatore di calcio, ha guidato la squadra di calcio di Soriano, saranno devoluti 2 euro per ogni biglietto venduto durante la Sagra delle Castagne. La raccolta mira alla ricostruzione del Parco in Miniatura di Amatrice, andato distrutto durante il terremoto.

Dopo Soriano nel Cimino sarà la volta di Caprarola (dall’8 al 16 ottobre), che anche quest’anno lega la Festa delle Castagne a CioccoTuscia. “La scorsa edizione abbiamo raggiunto i 10mila visitatori nei weekend di CioccoTuscia – ha affermato il sindaco Eugenio Stelliferi – Grazie alla collaborazione con la scuola alberghiera, ProLoco e Palazzo Farnese, l’evento sarà, come sempre, all’insegna dell’arte della cucina, con show cooking e dimostrazioni di chef professionisti. Non mancherà uno spazio dedicato ai più piccoli, stand gastronomici e visite guidate gratuite a Palazzo Farnese”.

A Canepina (dal 15 al 30 ottobre)si festeggerà la 35ma edizione della sagra. “La castagna rappresenta per Canepina una delle basi dell’economia, con un giro di affari che purtroppo negli ultimi anni si è ridotto ai minimi margini – ha evidenziato il sindaco Aldo Maria Moneta – Per gli ultimi tre weekend di ottobre, la domenica continueremo a distribuire gratuitamente le caldarroste come abbiamo sempre fatto, anche se poche”.

Inoltre, la festa sarà anche a Vallerano, dall’8 ottobre al 1 novembre. Il sindaco Maurizio Gregori ha evidenzato l’importanza del lavoro sinergico tra i Comuni per promuovere questa kermesse. “Il primo cittadino ha anche ricordato come il Marrone di Vallerano abbia ottenuto il riconoscimento D.O.P.

Infine, festa della castagna anche a San Martino al Cimino (dal 15 al 23 ottobre) , giunta quest’anno alla 29ma edizione che oltre alle tipiche castagne, vedrà come novità l’inaugurazione della prima edizione della Sagra del Fungo Porcino, un altro prodotto amato della zona.

Anche Latera festeggia la castagna con un doppio appuntamento il 22-23 e 29-30 ottobre.

“Mi auguro che dopo la riforma camerale si possano ancora sostenere queste iniziative” – ha affermato il presidente Merlani.

Ulteriori informazioni sulla sagra possono essere reperite su: http://www.tusciawelcome.it/it/

Ti potrebbero interessare anche:

Da Cori al Circeo, la Strada del vino più lunga d'Italia
Altro che merendine, 8 bambini su 10 mangiano pane e salame
Enogastronomia, alla Leopolda la seconda edizione di "Food and wine in progress"
Sigep 2017: Vincenzo Albanese campione d’Italia di pasticceria
L'ESPRESSO, 7 RISTORANTI AL 'TOP' CONQUISTANO I 5 CAPPELLI
Workshop Enotri - Per valorizzare i prodotti locali del nostro territorio



wordpress stat