| categoria: Dall'interno, Scuola

Studenti in piazza il 7 ottobre, prima protesta dell’anno

Tra pochi giorni primo appuntamento dell’anno con le proteste studentesche. Venerdì, 7 ottobre, i ragazzi scenderanno in piazza contro le politiche scolastiche del Governo e per la tutela del diritto allo studio. Dalla Buona scuola all’alternanza scuola lavoro, fino al preside manager e a pochi spazi decisionali: sono questi i motivi alla base della protesta che interesserà le maggiori piazze italiane.

La manifestazione è organizzata da Unione degli Studenti, al cui fianco si schiera anche Link Coordinamento Universitario. Gli studenti sollecitano una legge nazionale sul diritto allo studio da Nord a Sud “per evitare che gli studenti restino esclusi da una istruzione di qualità”, ribadiscono la necessità di “una scuola democratica che non basi il suo sistema sulla valutazione punitiva e su un modello di impresa”.

Ai motivi della protesta si aggiunge l’opposizione al modello dell’alternanza scuola-lavoro che, a dire delle associazioni studentesche, alimenta una logica di sfruttamento dei ragazzi. I promotori della mobilitazione chiedono, infine, di poter partecipare alle decisioni importanti sul loro futuro. E’ stato creato un evento Facebook per raccogliere le adesioni e dare informazioni logistiche sulla manifestazione.

Ti potrebbero interessare anche:

Loreto, centomila a piedi dopo la telefonata del Papa allo stadio
Bus in scarpata: tre arresti. Falso in atto pubblico e concorso in omicidio colposo plurimo
CARNEVALE/ Battaglia delle arance a Ivrea, 142 feriti
Arriva Archimede, la prima auto elettrica ad energia solare
San Luca, nel Comune calabrese sciolto per mafia nessun candidato alle elezioni:
E' morto Carlo Benetton, fratello minore della dinastia veneta



wordpress stat