| categoria: attualità, primo piano

Renzi respinge l’assist di Grillo, il ddl taglia stipendi torna in Commissione

Costi politica: Grillo scherza con cronisti, "io l'elevato"mauTorna in commissione alla Camera il ddl sul trattamento economico e previdenziale dei membri del Parlamento. Lo ha stabilito l’Assemblea di Montecitorio con 109 voti di differenza. A favore del rinvio in commissione ha votato la maggioranza. Contro, tutte le altre forze politiche tranne i deputati di Conservatori e riformisti che si sono astenuti.
Beppe Grillo a Montecitorio per assistere ai lavori parlamentari sul provvedimento. “Questa non è una legge per tagliare, che è una brutta parola, una parola violenta, un atto di buona volontà di cui anche la Chiesa è contenta… Pensate il Papa come ne sarebbe contento”, aveva commentato. Cosa farò oggi in tribuna a Montecitorio? “Guarderò con affetto cosa fanno…”, aveva detto Beppe Grillo arrivando a Montecitorio.

Il blog di Grillo, con un post di Di Maio, aveva chiesto a Renzi di presentarsi in aula e di dare ai suoi indicazione di voto favorevole, annunciando per il pomeriggio “un sit-in in piazza a Montecitorio di incoraggiamento al Pd prima della votazione in Aula”. “Stateci vicini e fatevi sentire, anche oggi porteremo la vostra voce dentro il Parlamento”, si legge. “Tagliatevi lo stipendio la vera riforma è questa”: è la scritta su un lungo striscione sorretto dai parlamentari M5s davanti l’ingresso di Montecitorio.

“Quella di oggi è la dimostrazione plastica di quello che sono questi politici: sono indignato! Spero che a dicembre metteremo fine a questo disgusto”: così il deputato M5s Alessandro Di Battista in piazza a Montecitorio con un drappello di parlamentari, dopo il rinvio in commissione del ddl. “Siamo Davide contro Golia ma non molleremo di un centimetro! Viva la Repubblica viva la sovranità popolare”, ha detto Di Battista agli attivisti M5S, circa un centinaio, venuti a Montecitorio per attendere l’esito del voto sulla proposta di legge del Movimento sul taglio delle indennità. La piazza urla: Onestà, onestà e Di Battista annuncia: “Fino al 4 dicembre si va avanti, saliremo sui treni per difendere quei brandelli di sovranità popolare che ancora resistono”.

“Da pace e bene a pace e rumina”: è questo il titolo del post di Beppe Grillo in cui il leader del M5s intervenendo sul rinvio del ddl sul taglio degli stipendi dei parlamentari paragona i deputati Pd a “vacche autonominatosi sacre”. Il loro “è il modo più profondo di tradire la fiducia, e il mandato che hanno ricevuto dagli elettori: una questione di fedeltà al mandato Costituzionale”, si legge nel post

Ti potrebbero interessare anche:

Monti con Albertini: nessun imbarazzo per i nomi della nostra lista
Concordia, via alla rotazione con l'incognità maltempo
Arriva il registro degli iman, obbligo di parlare italiano
Volontario italiano morto in Burkina Faso, un giallo?
Francia, ora comanda Macron
Cogne, Annamaria Franzoni libera con 3 mesi di anticipo



wordpress stat