| categoria: Cultura, salute, sanità Lazio

Medicina tradizionale cinese protagonista al Maxxi di Roma

untitledLa medicina tradizionale cinese è un sistema medico dalle origini antichissime, ma per quanto alcune pratiche siano ormai di uso comune anche in Occidente come agopuntura, digitopressione, riflessologia, shiatsu, nel suo complesso viene ancora percepita come esotica e «alternativa». Per comprenderne meglio le origini, le tecniche e i benefici, domani al Museo Maxxi a Roma (ore 11.00, spazio D) si terrà l’incontro ‘Yi, Medicina tradizionale cinese – Tesoro della cultura Shaolin’, promosso da Fondazione Santa Lucia Irccs e Associazione Shaolin Quan Fa Italia (http://www.shaolinquanfa.eu). Sarà presente il maestro Shi Yan Hui, monaco guerriero di 34.esima generazione e rappresentante ufficiale del Tempio Shaolin in Italia. E chiuderà l’incontro una dimostrazione di arti marziali con i suoi allievi. Molti i temi che saranno affrontati durante la giornata: la circolazione dei meridiani, i metodi del Qi Gong, la meditazione Chan, moxibustione, coppettazione, digitopressione e tecniche capaci di risolvere moltissime patologie. All’evento interverranno anche Carlo Caltagirone, direttore scientifico della Fondazione Santa Lucia Irccs, e Vincenzo Saraceni, competente del Comitato etico della Fondazione e docente di Fisiatria all’Università di Roma Sapienza, che affronteranno il tema dal punto di vista della medicina occidentale e dei possibili punti d’incontro con la tradizione cinese. E domani sarà presentato anche il Corso di medicina tradizionale cinese, in programma a gennaio alla Fondazione Santa Lucia: lezioni teoriche e pratiche accompagneranno i partecipanti alla scoperta dei principi, delle tecniche e della storia di questo tesoro della cultura Shaolin.

Ti potrebbero interessare anche:

Gerontocrazia (fuori legge?) al comando dell'Umberto I, esposti alla Corte dei Conti
Asl di Viterbo, in arrivo negli ospedali 14 nuovi infermieri. Basteranno?
Ricerca: Aumenta incidenza malattie neurologiche
La musica all'ombra di San Pietro. Per celebrare il Giubileo con le note
Correre fa bene al cervello, la "sgambata" attiva una sostanza che ripara i neuroni
All'Aquila l'estate di spettacoli tra cantieri e palazzi restaurati



wordpress stat