| categoria: economia

Danni terremoto nel 30% delle cantine di tre province

2c3f0a17079e82e85bd2f3658a2adb52
Il comparto vino delle Marche tiene rispetto all’emergenza terremoto, con una vendemmia 2016 abbondante e in salvo; tuttavia si registrano danni strutturali finora fermi al 30% delle aziende vitivinicole attive nelle province di Fermo, Macerata ed Ancona. Lo dice all’ANSA il direttore dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini (Imt) Alberto Mazzoni nel precisare che nelle 16 denominazioni, tra Doc e Docg, tutelate da Imt, lamentano “danni strutturali” piccoli e medi produttori di Vernaccia di Serrapetrona, piccolo comune montano il cui centro è inagibile, di Verdicchio di Matelica e di Jesi, Colli Maceratesi, San Ginesio, Castello di Jesi, e Lacrima di Morro d’Alba.

Ma sostanzialmente, sottolinea Mazzoni, “abbiamo tenuto botta, non abbiamo perso prodotto e non abbiamo produzioni deperibili. E anche in questa emergenza ci confermiamo locomotiva, i capofila per il rilancio per quanto di bello e di buono c’è nelle Marche. Laddove l’entroterra è un fiore all’occhiello con un patrimonio di microproduzioni a marchio Qm, dal formaggio di fossa al prosciutto di Carpegna, dalle cicerchie alle lenticchie, dai salumi dei Sibillini fino alle patate di Colfiorito. Imt – annuncia il direttore Mazzoni – intende adottare l’agroalimentare marchigiano, che ha subito danni non quantificabili, per far ripartire le attività di produzione, attraverso fondi Psr, riportare gli artigiani del gusto nell’entroterra anche per curare quei territori, e segnare così la ripresa dell’enoturismo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Finmeccanica, è l'era di Moretti. Pansa: nave tolta dalle secche
L'Istat ricalcola il Pil, migliorano deficit e debito
Paura di una bolla finanziaria, la Cina corre ai ripari e vara un fondo da 19 miliardi
Assolavoro, con agenzie oltre 22mila assunti a tempo indeterminato
Latte, accordo sul prezzo: agli allevatori 37 centesimi al litro
Rc auto, possibili sconti sulla polizza al Sud



wordpress stat