| categoria: Dall'interno

Vigili del fuoco eroi sottopagati

autoscala-vigili-del-fuoco10 Gli eroi del sisma sono tanto in prima linea quanto bistrattati dallo Stato. I Vigili del fuoco lavorano ormai senza sosta dallo scorso 24 agosto quando il terremoto ha raso al suolo Arquata del Tronto, Amatrice e Accumoli. E continuano, scrive la Notizia, a operare senza fermarsi un attimo dopo le ultime forti scosse che hanno colpito Umbria e Marche in primis, senza dimenticare Lazio e Abruzzo. Sono circa 1.250 i pompieri impegnati con la nuova emergenza terremoto. Una cifra considerevole tenendo bene a mente che il corpo dei Vigili del fuoco deve già far fronte a una carenza negli organici di 3mila unità. Con assunzioni che non arrivano da troppo tempo.

Sempre pronti a intervenire senza stare a farsi troppe domande. Eppure c’è un malcontento crescente tra i pompieri che lamentano una disparità di trattamento rispetto agli altri corpi: “Lo Stato da decenni ci paga con 300 euro in meno rispetto agli altri corpi. Siamo da troppo tempo considerati un corpo di serie B in quanto a retribuzioni e pensioni”, ha denunciato Antonio Brizzi, segretario generale del sindacato Conapo, “sottopagati rispetto alla Polizia, stesso ministero dell’Interno dove Alfano continua a fare figli e figliastri. E lo stesso avviene per le pensioni, non ci riconoscono i servizi operativi come gli altri corpi”.

Ti potrebbero interessare anche:

Ancora sbarchi in Sicilia, in salvo 500 migranti
CONTO ALLA ROVESCIA/ Perquisizioni e sequestri contro i no Expo
CASO NOVENTA/ Sub della polizia coinvolto in incidente mentre cerca il corpo. Grave in ospedale
Batterio pericoloso nel prosciutto cotto, Eurospin ritira il prodotto
Valanga sulla Grignetta, morti due alpinisti. Si cerca un disperso
SCI: CORTINA 2021 SI PRESENTA A MILANO, SOGNANDO LE OLIMPIADI 2026



wordpress stat