| categoria: sanità Lazio

LA SVOLTA/ Zingaretti: «Via il ticket regionale per risonanze, tac e visite specialistiche»

Dal 1 gennaio 2017 sarà abolito il ticket sanitario regionale per i cittadini del Lazio. Lo ha annunciato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, illustrando questa mattina i nuovi interventi a favore della Sanità.«Per i cittadini si tratta di un risparmio di 20 milioni di euro l’anno» ha spiegato Zingaretti sottolineando che «questo intervento era stato chiesto dai sindacati negli ultimi anni». «Il nostro obiettivo è continuare nel risanamento della sanità del Lazio, coniugandolo però con qualità, diritti, inclusione e giustizia sociale» ha aggiunto poco prima di firmare il decreto di cancellazione del ticket e annunciando che i «prossimi interventi riguarderanno le liste di attesa». Il ticket regionale abolito dal 1° gennaio 2017, che era stato introdotto nel 2008 quando il disavanzo sanitario era superiore a 1,6 miliardi, riguardava tre prestazioni: risonanze e tac (15 euro); specialistica ambulatoriale (4 euro) e Fisiokinesiterapia (5 euro). Prestazioni il cui costo, dal 1° gennaio, non si dovrà più sommare al ticket nazionale della prestazione specialistica (36,10 euro) ed alla quota fissa (10 euro), per un risparmio per i cittadini laziali di circa 20 milioni di euro. «Abbiamo accelerato un provvedimento che segna uno spartiacque nella storia della sanità nella nostra Regione», ha sottolineato il presidente della Regione Lazio.

Ti potrebbero interessare anche:

Farmaci, Regione Lazio riorganizza la Rete dei comitati etici
Sottoscritto il decreto del Commissario ad acta sulle Case della Salute
La Giunta replica su Bracciano: la sentenza Tar non riguarda i piani di rete ospedaliera
Rieti, il Comune apre lo sportello per l'autismo
SPALLANZANI/ Quelli dell'Urp, i playmaker dell'ospedale
Ennesima aggressione al Pronto Soccorso di Tivoli, è emergenza sociale



wordpress stat