| categoria: Roma e Lazio

TERREMOTO/ Le scuole superiori della Tuscia sono sicure

di WANDA CHERUBINI
Le scuole superiori della Provincia sono sicure. Lo dice, ancora una volta, senza mezzi termini il presidente della Provincia, Mauro Mazzola, che questa mattina ha incontrato presso Palazzo Gentili una delegazione di studenti, proprio per ribadire il buon operato del suo ente con i sopralluoghi sugli stabili effettuati dopo il terremoto dello scorso 30 ottobre. ““Le scuole sono sicure, le polemiche sterili non servono” – tuona Mazzola, che ha incontrato i rappresentanti degli studenti insieme ai tecnici della Provincia e ad un gruppo di ingegneri specializzati.
“La Provincia – ha ribadito Mazzola – ha lavorato dal 26 ottobre a stretto contatto con i dirigenti, eseguendo prontamente verifiche sugli immobili scolastici. I sindaci hanno eseguito le ordinanze di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Ho sentito i tecnici, ho parlato con gli ingegneri e mi esprimo ricordando che sono un genitore, nonché pioniere della Protezione Civile. La mia sensibilità ed accuratezza è evidente.”

Le squadre che hanno eseguito i controlli sugli edifici scolastici sono state composte dagli ingegneri Ernesto Dello Vicario, Michele Clemenzi e Fabrizio Purchiaroni insieme ai geometri Rita Santini e Mariano Di Pietro. I controlli sono stati eseguiti con principio AeDES, adottato in condizioni sismiche consistenti, tenendo conto del concetto che “l’edificio per essere considerato stabile non deve presentare condizioni peggiori di quelle che aveva in precedenza”. Svolti 30 sopralluoghi, le ultime verifiche sono state eseguite nella mattina del 2 novembre. In sostanza nessun istituto superiore della Provincia ha presentato danni conseguenti al terremoto.

“Gli edifici scolastici – ha evidenziato l’ingegnere Dello Vicario – hanno continuamente bisogno di interventi. Numerosi sono stati svolti, altri sono in corso di esecuzione. Spesi, dal 1 gennaio 2016, 400 mila euro, 80 mila saranno impiegati entro l’anno”. Dello Vicario ha spiegato che ogni risorsa per l’edilizia scolastica è stata spesa sia per piccoli che grandi interventi, partendo dalla sistemazione di porte, rubinetti, aule al liceo classico Mariano Buratti ed alla palestra del liceo Canonica di Vetralla.
Gli studenti presenti all’incontro hanno chiesto alcuni ulteriori interventi al presidente Mazzola, che ha mostrato disponibilità, promettendo una serie di sopralluoghi nei prossimi giorni ed un confronto diretto con gli studenti all’interno delle scuole.

Francesco Boscheri, presidente della consulta studentesca ha affermato: “Siamo aperti al contatto diretto con l’amministrazione, al dialogo e alla risoluzione dei problemi”. Boscheri ha anche detto di avere con sè una serie di foto degli edifici. “Alcuni interventi sono stati eseguiti, altri no. Spero che vi sia un confronto continuo”.

Francesco, portavoce del Blocco Studentesco e studente del Paolo Savi, ha proposto di creare un Comitato che si occupi di edilizia scolastica in stretto contatto con la Provincia. La proposta è stata accolta positivamente dal presidente Mauro Mazzola.
Roberto, studente del liceo A. Meucci di Ronciglione ha, invece, chiesto in che stato si trovino attualmente gli edifici scolastici a livello di sismicità.
Il presidente Mazzola ha risposto di aver chiesto Al Governo 8 milioni di euro per poter “incatenare” le strutture. “Questo però – ha aggiunto Mazzola – non esclude che un terremoto molto potente possa lesionarli. Dobbiamo convivere con il rischio”.
Infine, entro la prossima settimana Mazzola ha promesso di avviare le verifiche alle finestre dell’Itis e del Buratti di Viterbo.

Intanto, durante l’incontro, davanti a Palazzo Gentili, alcuni studenti hanno manifestato con tanto di bandiere, chiedendo che si dia maggiore sicurezza agli edifici scolastici.

Ti potrebbero interessare anche:

DIETRO I FATTI/ La nuova Giunta Marino? "Pulizia integrale". A parole
Prestiti al 200% di interesse: usurai in carcere, ricattavano i commercianti di Roma
NCC/ Prosciolti noleggiatori con autorizzazione di Campodimele
Primarie Pd a Roma, gli immigrati dovranno registrarsi prima
ELETTORANDO - Raggi dà forfait al confronto tv con i candidati. E su Twitter è subito #VirginiaScapp...
Casa di cura fantasma sequestrata a Marino



wordpress stat