| categoria: primo piano

Trump parte forte, giù le tasse e via alla crescita

550x189x2073602_donald3_jpg_pagespeed_ic_zeyxpd6zlvUna drastica riduzione della pressione fiscale, il rilancio dell’occupazione, la rivisitazione in senso restrittivo delle politiche commerciali e dei trattati internazionali. Sono solo alcuni dei punti del programma economico del nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Che come prima cosa, dopo il suo insediamento alla Casa Bianca, annullerà la riforma del sistema finanziario attuata nel 2010 dal predecessore Barack Obama. Si tratta, in altri termini, della legge Dodd-Frank, che, poco dopo la crisi innescata nel 2008 dal settore immobiliare a stelle e strisce, aveva concesso alle autorità federali ampi poteri di controllo sulle banche, rendendone tra l’altro più facile la liquidazione. Ad annunciare la decisione è stato il team di Trump che sta gestendo la transizione dal vecchio al nuovo presidente. Sul sito del team, greatagain.gov (dinuovograndi.com), si può leggere che la Dodd-Frank è ritenuta colpevole della tiepida ripresa economica osservata dal 2008 e che perciò sarà sostituita dall’amministrazione Trump con «nuove politiche che incoraggino la ripresa e la creazione di posti di lavoro». Sono proprio questi due i capisaldi sui cui si regge il programma economico di Trump, la Trumpnomics com’è già stata ribattezzata. I posti di lavoro, in particolare, dovrebbero aumentare grazie soprattutto all’eliminazione dell’outsourcing e riportando a casa lavoro dal Giappone, dalla Cina e dal Messico. Il pilastro principale, la promessa su cui si è retta l’intera campagna elettorale contro Hillary Clinton, è tuttavia la riduzione degli scaglioni delle imposte sulle persone fisiche, con la contestuale discesa delle aliquote.

Ti potrebbero interessare anche:

Berlusconi si supera: restituiremo agli italiani l'Imu versata nel 2012
Napolitano giura fedeltà alla Repubblica (Video)
Renzi-show a Canale 5, bonus alle neo-mamme
Stoccolma, camion sulla folla: «L'uomo arrestato è l'attentatore»
Papa Francesco alla Via Crucis: "Vergogna per sangue migranti e scandali nella Chiesa"
E' nato il governo giallo-verde



wordpress stat