| categoria: politica

Referendum, Renzi: “Lo spread aumenta a causa dellʼincertezza”

“Aumenta lo spread? E’ ovvio, se c’è incertezza aumenta. Non è una minaccia, è una constatazione”. E’ quanto ha dichiarato il premier Matteo Renzi a Bergamo, durante un incontro a sostegno del “Sì” al referendum costituzionale. “Me lo immagino un leghista o un 5 Stelle che entra in cabina elettorale: se vuole votare No deve tenere gli occhi chiusi, perché se legge il quesito vota Sì”, ha aggiunto parlando della consultazione del 4 dicembre.

“Questa è la vera lotta alla casta” – “La vera lotta alla casta è la riforma costituzionale”, ha quindi affermato il presidente del Consiglio. “La riforma prevede il taglio dei costi della politica, l’abolizione del Cnel. A naso – ha aggiunto – direi che la casta sta con quelli che vogliono difendere i superstipendi. Volete tenervi quelli che hanno galleggiato per decenni? Ma non parlate di lotta alla casta”.

“Evitiamo i rimpianti del giorno dopo” – “Dovesse vincere il No, evitiamo di ingrossare le fila del rimpianto del giorno dopo. Andate casa per casa, indirizzo per indirizzo, luogo per luogo”, ha sottolineato Renzi, invitando anche a convincere i giovani ad andare a votare il 4 dicembre. “Spero che i sondaggi non la dicano giusta come non l’hanno raccontata fino a questo momento in tanti altri passaggi politici…”, ha proseguito.

“Proteste per vittoria di Trump? Dovevano votare prima” – “Al posto di andare in piazza il giorno dopo a protestare, vai a votare il giorno prima”, ha poi detto commentando le proteste negli Stati Uniti contro la vittoria di Donald Trump. Renzi ha fatto un parallelo con quelle proteste e quanto potrebbe accadere il giorno dopo il referendum del 4 dicembre in Italia: “E’ il partito dell’astensione del giorno dopo, come accaduto anche in Inghilterra dopo la Brexit”.

“Certi polemizzano solo perché non hanno avuto una poltrona” – Il premier ha quindi sferrato una stoccata a quanti all’interno del Pd fanno campagna per il No al referendum. “Qualcuno di questi, se gli avessimo dato una poltrona europea, non farebbe polemica, non possiamo basarci sul risentimento”, ha detto, senza però fare nomi.

Ti potrebbero interessare anche:

Il 30 l'Antitrust decide: De Luca scelga tra sindaco e viceministro
SCUOLA/ Ultime limature per il ddl in attesa del consiglio dei ministri
Scioperi, si muove la maggioranza: "servono nuove regole"
COMUNALI/ Sgarbi, corro a Milano, Silvio mi voleva a Bologna
FOCUS/ GOVERNO: IL 'TOTONOMÌ TRA DUBBI E RIPENSAMENTI
MANOVRA: TRIA, DEBITO GIÙ UN PUNTO L'ANNO, NO A DIMISSIONI



wordpress stat