| categoria: Dall'interno

Stragi ’92: pm, a giudizio Messina Denaro

identikit image of mafioso I pm di Caltanissetta hanno chiesto di rinvio a giudizio del boss mafioso Matteo Messina Denaro in quanto considerato uno dei mandanti delle stragi siciliane del di Capaci e Via D’Amelio. L’udienza preliminare è stata fissata per il prossimo 22 dicembre. La richiesta di rinvio a giudizio è stata notificata alla madre del mafioso a Castelvetrano (Tp).
Arriva dunque al capolinea l’inchiesta sul presunto ruolo del latitante negli omicidi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
L’ordinanza di custodia cautelare per Messina Denaro era stata emessa dal gip di Caltanissetta nel gennaio scorso. Per il procuratore capo di Caltanissetta Amedeo Bertone, i sostituti Lia Sava e Gabriele Paci e il pm Stefano Luciani, Messina Denaro fu tra i componenti della cupola mafiosa che decisero la morte di Falcone e Borsellino, uccisi negli attentati di Capaci il 23 maggio ’92, e in via D’Amelio il 19 luglio ’92, insieme agli agenti delle scorte.

Ti potrebbero interessare anche:

Carabiniere interviene per un incidente e scopre che la vittima è la figlia
Eurolat, chiesti 9 anni di condanna per Geronzi e Cragnotti
Domenica torna l'ora legale, lancette avanti di un'ora
Migranti: quasi 800 profughi sbarcati a Palermo, altri 468 a Pozzallo, 102 a Trapani. Fermati tre sc...
Marsilio “torna a casa”, Mondadori vende ai De Michelis per 8,9 milioni
Agguato San Marco in Lamis, 4 morti. Ucciso anche capo clan



wordpress stat