| categoria: salute, Scienza

Verso un ‘test dell’udito’ per diagnosi precoce Alzheimer

In futuro l’Alzheimer si potrebbe diagnosticare già in fase precoce – o addirittura presintomatica – attraverso una specie di ”test dell’udito” semplicissimo da praticare, che consiste nel registrare, con un elettroencefalogramma – EEG, le onde cerebrali di un individuo in risposta a certi suoni.
Ricercatori italiani hanno infatti visto che il cervello del malato di Alzheimer risponde diversamente a una sequenza toni acustici intervallati in modo casuale e inaspettato da un suono diverso (bop). Diretto da Manuela Ruzzoli presso l’Università Pompeu Fabra a Barcellona, lo studio è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports. “Questo lavoro – spiega all’ANSA Ruzzoli – è il risultato di una fruttuosa collaborazione fra Brescia, Barcellona e Trento.
Infatti i dati sono stati raccolti presso la sezione di Neuroscienze Cognitive dell’IRCCS Centro San Giovanni di Dio (BS). Inoltre ha visto la collaborazione del Centro Interdipartimentale Mente e Cervello di Trento con Veronica Mazza e Carlo Miniussi”.
Gli esperti hanno registrato le risposte neurali di tre gruppi di individui (sani, con lieve declino cognitivo, con Alzheimer) a una serie di toni acustici e osservato che quelle dei pazienti con Alzheimer sono marcatamente diverse e riconoscibili rispetto alle reazioni neurali di un soggetto sano e di uno con lievi deficit cognitivi. Poiché questo test uditivo è del tutto passivo (si registra la reazione cerebrale ai suoni uditi e l’anziano non deve fare assolutamente nulla se non sottoporsi all’EEG) e semplice da svolgere, se questi risultati saranno riprodotti su un campione maggiore di individui si potrebbe davvero giungere allo sviluppo di un pratico e non invasivo test diagnostico che ‘scova’ la demenza già al suo esordio. “Portare questo test a routine clinica sarebbe uno step abbastanza agile – conclude Ruzzoli – perché non è invasivo e non richiede un’altra specializzazione tecnica”.

Ti potrebbero interessare anche:

La fertilità maschile dipende dal buon sonno
Dieta insalubre, il cibo spazzatura è tra le possibili cause di demenza senile
Sono 12 mila le epidemie nel mondo negli ultimi 30 anni
Arriva la birra senza glutine dedicata ai celiaci
Emofilia, farmaco biotech colpisce di più il sistema immunitario
Il 53% italiani ha problemi prostata e 30% fa 'flop' con sesso



wordpress stat