| categoria: sanità

Manovra. I Governatori potranno essere anche Commissari ad acta per gestire i Piani di rientro

front9922769

Dopo lo scontro in commissione Bilancio lo scorso martedì e l’accantonamento del contestato emendamento ‘pro De Luca’ che, contrariamente a quanto decretato dalla legge di Stabilità 2015 permetterebbe ai presidenti di Regione di ricoprire anche il ruolo di commissari ad acta per la sanità in caso di Piano di rientro, nella giornata di ieri è arrivato dalla V commissione il via libera alla proposta di modifica alla legge di Bilancio a prima firma Assunta Tartaglione (Pd) in un testo riformulato dal relatore Mauro Guerra (Pd).

L’attuale normativa, ricordiamo, prevedeva che la nomina a commissario “è incompatibile con l’affidamento o la prosecuzione di qualsiasi incarico istituzionale presso la regione soggetta a commissariamento”. L’emendamento approvato propone invece di tornare alla situazione ante stabilità 2015, quando le due cariche potevano coincidere. Rispetto al testo discusso lo scorso martedì, però, è stata inserita una modifica in base alla quale i tavoli tecnici del Governo dovranno verifichare ogni sei mesi l’equilibrio dei bilanci sanitari delle due Regioni e l’effettiva applicazione ed erogazione dei Livelli essenziali di assistenza, elaborando una relazione ai ministri dell’Economia e della Salute da trasmettere al Consiglio dei ministri. In caso di esito negativo della verifica e di mancata attuazione dei Piani di rientro, il Consiglio dei ministri potrà nominare un nuovo commissario ad acta, estromettendo i governatori commissari.
A beneficiare della nuova normativa sarebbero dunque tutti quei presidenti di Regione in Piano di rientro eletti successivamente all’entrata in vigore della norma inserita nella stabilità del 2015, ossia il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, ed il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Proprio De Luca e Oliverio da oltre un anno stanno portando avanti un duro braccio di ferro con il Governo per superare l’attuale situazione di commissariamento

Ti potrebbero interessare anche:

I Nas rivelano, minacce ai parlamentari contrari al metodo Stamina
Frena la spesa sanitaria, ma acquisti ancora con segno più
LAVORO/ Ostetriche in coda tra le professioni sanitarie
Influenza: già otto morti da inizio epidemia, 63 gravi
Italia, 400 mila soffrono di artrite reumatoide, manca accesso farmaci
IN RICORDO/ Anna Basso: una vita spesa con passione al fianco dei pazienti afasici



wordpress stat