| categoria: sanità Lazio

RSA/ L’Aiop denuncia un’insolvenza del Comune di Viterbo

di WANDA CHERUBINI
L’Aiop Lazio, l’Associazione Ospedalità Privata del Lazio, denuncia un’insolvenza del Comune di Viterbo, che da due anni non pagherebbe,a detta dell’associazione, le quote per le Rsa, le residenze sanitarie assistenziali, che si trovano sul suo territorio. “Se la situazione non si risolverà entro dieci giorni – scrive l’associazione – denunceremo il comune di Viterbo alla Corte dei conti. Alle Rsa non viene erogata la quota sociale spettante secondo la normativa sulla compartecipazione. Rimangono sospesi i pagamenti di ben due anni, il 2015 e anche il 2016”.
Jessica Veronica Faroni, presidente Aiop Lazio aggiunge: “Con la lettera inviata al sindaco di Viterbo, Leonardo Michelini, denunciamo il perseverare da parte del Comune della gravissima e non più accettabile inadempienza e dell’illegittimo operato verso le strutture. Non solo il comune non paga la quota che gli spetta ma alle strutture non viene data neanche la possibilità di fatturare, questo perché, per motivi burocratici, non vengono espletate, da circa due anni, nemmeno le valutazioni della situazione economica e reddituale degli utenti”.

L’Aiop denuncia ancora come “ad oggi ancora non è stata trasmessa alcuna rendicontazione da parte del Comune alla Regione e questo nonostante i ripetuti solleciti. La situazione pertanto potrebbe peggiorare in quanto in mancanza di rendicontazione la Regione si vedrà costretta a chiedere indietro, per garantire parità di trattamento con gli altri comuni, anche detto acconto”.

Per il 2016 non risulterebbe fatta poi ancora una previsione di spesa. “Che Viterbo sia un porto delle nebbie? – prosegue Faroni – Diffidiamo pertanto il sindaco del Comune di Viterbo a convocarci entro e non oltre 10 giorni dalla presente comunicazione per esporci una proposta seria per regolarizzare i crediti 2015 e 2016.
Se questo non dovesse accadere saremo costretti ad intraprendere alcune iniziative tra le quali una denuncia alla Corte dei Conti.
L’amministrazione comunale quindi dovrà rispondere di fronte alle competenti sedi dei danni cagionati alle strutture, al personale e agli utenti”.

Ti potrebbero interessare anche:

Cem, oggi "udienza" in Regione. Ma serve un intervento esterno. Una Fondazione?
Zingaretti: “Entro l’anno apriamo il reparto dell’onco ematologia al San Giovanni”
ASSOTUTELA/ La Regione riesamini i provvedimenti dell'ex assessore al patrimonio Di Stefano
INCHIESTA/ All’Umberto I, vivo o morto, le regole sono ferree e vanno rispettate
A TUSCANIA (VT) APRE PRIMO CENTRO CURA DIPENDENZE COMPORTAMENTALI
INI-Città Bianca di Veroli/ GIORNATA DEL SOLLIEVO OSTEOARTICOLARE



wordpress stat