| categoria: Roma e Lazio

Crollo al Flaminio, chiesto rinvio a giudizio per proprietario appartamento in ristrutturazione e altri tre

550x189x2115290_crollo_jpg_pagespeed_ic_fgjcx4hewqLa Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per quattro persone indagate in relazione al crollo parziale di un palazzo avvenuto lo scorso 22 gennaio sul Lungotevere Flaminio. Si tratta del geometra, del progettista, del responsabile della ditta incaricata dell’esecuzione dei lavori di demolizione e del proprietario dell’abitazione in ristrutturazione al quinto piano dello stabile dal quale ha avuto origine il cedimento.

Nei loro confronti l’accusa è di disastro colposo. In base a quanto ricostruito dai magistrati di piazzale Clodio, che si sono avvalsi della consulenza tecnica di due esperti appositamente nominati, il crollo sarebbe stato causato sostanzialmente dalla rimozione dei tramezzi presenti all’interno dell’appartamento del quinto piano. Già quindici anni fa, lo stesso stabile era stato oggetto di un intervento di consolidamento delle fondamenta. A causa del crollo l’immobile è stato dichiarato inagibile e posto sotto sequestro per circa cinque mesi a causa dei lavori di messa in sicurezza.

Ti potrebbero interessare anche:

Ha votato solo un romano su due. Marino stacca Alemanno, grillini dimezzati. Sarà ballottaggio
ROMA/Pena scontata, torna libera la 'Mantide'
Papa Francesco in Sinagoga il 17 gennaio 2016
Stadio Roma, Grillo: 'Se si farà sarà sentita la popolazione'
Stadio Roma: si valuta stop progetto
I nuovi vigili agli incroci e ai gabbiotti



wordpress stat