| categoria: Dall'interno

Figlio ‘inerte’ non ha diritto all’assegno

Il figlio maggiorenne che non ha raggiunto l’autosufficienza economica per la propria “inerzia” non ha diritto a ricevere dal padre divorziato l’assegno di mantenimento che gli permetta di avvicinarsi a un tenore di vita simile a quello che conduceva la famiglia prima della separazione. E’ su questo principio che il tribunale di Torino ha revocato il contributo di 1.500 euro al mese che un ventiquattrenne chiedeva al genitore, ex amministratore delegato di una grande azienda (ora fallita) che al momento della rottura dei legami familiari guadagnava 167.648 euro lordi all’anno.
Il giovane aveva detto che voleva riprendere gli studi (interrotti nel 2013 in quarta liceo) e che aveva un’abilitazione di personal trainer di primo livello ma di essere sostanzialmente disoccupato.

Ti potrebbero interessare anche:

Richard Ginori, arriva offerta d'acquisto di 13 milioni
Report scova Felice Maniero: "Boss pentito e imprenditore per lo Stato"
SINODO/ Il Papa, nella Chiesa è necessario che qualcuno si abbassi
Corrado Augias in tv: «Fortuna si atteggiava come se avesse 16 anni». Ed è bufera sul web
Piazza S.Carlo: indagini chiuse, avvisi notificati, anche a Chiara Appendino
Nasce l'infermiere 'di parrocchia', accordo tra Cei ed Asl



wordpress stat