| categoria: sanità

La sanità molisana che scoppia/ 2 – Neuromed, ricorso al Tar contro tagli

L’Irccs contesta riduzione di 11 posti letto dati al ‘Veneziale’

Sarà discusso il prossimo 6 dicembre il ricorso al Tar del Molise presentato da Neuromed, istituto medico di alta specializzazione neurologica, contro il Programma operativo straordinario di riforma della sanità molisana, che ha impugnato il decreto 52 firmato dal commissario ad acta, il governatore Paolo Frattura. Al centro dell’istanza di annullamento o rettifica, il numero dei posti letto che con il provvedimento dello scorso 12 settembre relativo all’attuazione del Pos verrebbero accreditati alla struttura sanitaria di Pozzilli (Isernia): 11 in meno. “Tagli inspiegabili e ingiustificati” che fanno seguito a una decisione “contraddittoria e illogica” per Neuromed. I posti letto sottratti sono stati assegnati all’ospedale ‘Veneziale’ di Isernia. Il centro accreditato di Pozzilli, su una dotazione complessiva di 308 posti letto, di cui 156 accreditati dalla Regione Molise; almeno fino al decreto commissariale 52. L’atto, di cui Neuromed chiede l’annullamento o la rettifica, ne assegna 145.

Ti potrebbero interessare anche:

Balduzzi, insostenibili altri 2 miliardi di ticket nel 2014
Rinvio di un anno per l'assicurazione obbligatoria dei medici
Comitato scientifico boccia il metodo Stamina
Corte Conti, senza investimenti a rischio i Lea
Schizza prezzo nuovi farmaci anti-Aids, 'fuori portata'
L'allarme degli psichiatri: "la paranoia è un virus pericoloso"



wordpress stat