| categoria: Cultura, Dall'interno

Torino, scoperta la mummia di Nefertari al museo egizio

2124898_mummia_nefertari_torino_4
Le gambe della leggendaria regina egiziana sono conservate in una teca. Per identificare i suoi resti sono state fatte analisi chimiche, antropologiche, genetiche e datazione al radiocarbonio. Secondo lo studio i resti sono quelle di una donna adulta di circa 40 anni di età. Inoltre i materiali utilizzati per imbalsamare le gambe sono in linea con i metodi usati nella mummificazione del 13 secolo avanti Cristo. Alla moglie preferita del faraone Ramses II, venne dedicata una tomba splendidamente decorata nella Valle delle Regine. E anche se saccheggiata in tempi antichi, la tomba, scoperta nel 1904 Novecento dall’archeologo italiano Ernesto Schiaparelli, conteneva ancora diversi resti che furono inviati al Museo Egizio di Torino, incluse parti di un paio di gambe mummificate (tibie e femori). Ma lo studio per scoprire se quelle gambe potevano effettivamente rappresentare tutto ciò che restava di una delle regine

Ti potrebbero interessare anche:

Un generale per Pompei, il Governo nomina Nistri alla dirigenza dei restauri
VITERBO/ Perseguita alunno e costringe i compagni a picchiarlo, sospesa insegnante
Gendarme del Papa massacra la moglie (giornalista), choc in Vaticano
Ricordata a Palermo la strage di via Carini, dove venne assassinato Carlo Alberto Dalla Chiesa
Aggrediscono prof dopo 4 alla figlia
Scrisse ai genitori «mi odiate» e si suicidò. Padre e madre condannati a tre anni



wordpress stat