| categoria: attualità, primo piano

Al Quirinale consultazioni senza leader, Mattarella ha fretta

42fa3c763b36f25c36fac22712c335afIl M5s senza Grillo, la Lega senza Salvini, i centristi senza Alfano, il Pd senza Renzi (che da premier uscente non ci sarà per prassi). Ma anche i fittiani Conservatori e riformisti senza Fitto e i tosiani di Fare! senza l’ex-leghista Tosi. I grandi assenti alle consultazioni che si svolgeranno oggi e domani al Quirinale sono proprio i leader delle varie forze politiche. Con una sola eccezione: Silvio Berlusconi, che domani salirà al Colle con la delegazione di Forza Italia.

In due giorni sfileranno in tutto 24 gruppi per un totale di 12 ore effettive di colloqui: ogni formazione ha un tempo medio a disposizione venti minuti, al massimo mezz’ora per quelli più importanti. Oggi è la volta dei “peones”, ovvero i partiti minori compresi nella grande famiglia dei Gruppi misti di Camera e Senato. Una processione di sigle, alcune anche piuttosto fantasiose, come Civici e innovatori (che ha accolto superstiti montiani di Scelta civica che si sono opposti alla fusione con Ala di Verdini), Democrazia solidale-Centro democratico di Bruno Tabacci, o Alternativa Libera-Possibile guidato dall’ex Pd Pippo Civati e l’ex grillino Massimo Artini e il Movimento partito pensiero e azione (Ppa Moderati), guidato da un misconosciuto Antonio Piarulli. E c’è anche il gruppo di Renata Bueno, la prima deputata brasiliana eletta nel Parlamento italiano, a capo di Usei (Unione sudamericana emigrati), formazione presentatasi anche in Sudamerica e che annovera anche altre personalità come la pasionaria del Family day Eugenia Roccella, che fa parte di Idea, componente del gruppo Gal (Grandi autonomie e libertà) al Senato guidato da Carlo Giovanardi e Gaetano Quagliariello e alleato con Usei. Presenza storica, poi, quella della Südtiroler Volkspartei (Svp) guidata da Karl Zeller, che rappresenta i tedeschi della Provincia autonoma di Bolzano. Dal tedesco della Svp si passa poi al francese della Minoranza linguistica della Val d’Aosta, divisi in varie sigle e guidati dal deputato Rudi Marguerettaz e il senatore Albert Laniece. Unico volto più noto della giornata è Giorgia Meloni, che questo pomeriggio guiderà al Colle la rappresentanza di Fratelli d’Italia assieme a Ignazio La Russa e al capogruppo alla Camera Fabio Rampelli.

L’unico partito più grande a sfilare questa sera alle 19 sarà il Carroccio: ma, nonostante abbia chiesto di anticipare le consultazioni (inizialmente previste per domani), Salvini non sarà comunque presente e manderà il vice Giancarlo Giorgetti con i due capigruppo. Domani, invece, è il turno dei big, come detto tutti senza i capi ad eccezione di Forza Italia. Obiettivo del capo dello Stato Sergio Mattarella è chiudere la crisi entro lunedì e affidare il nuovo incarico entro la metà del mese.

Ti potrebbero interessare anche:

Cinque stelle primo partito .Il Parlamento, un puzzle inestricabile, Senato senza maggioranza
Caos governo, Bersani non trova la quadra e Grillo vuole l'Italia come il Belgio
A Palermo con le Navi della Legalità
Trump annuncia l'addio all'accordo di Parigi sul clima
NAVI ANCORA IN RADA. SALVINI, A TERRA DONNE E BAMBINI
Parigi ci rimanda l'ambasciatore



wordpress stat