| categoria: Dall'interno

Televendite truffa, vendevano gioielli scadenti in tv spacciandoli per affari: D’Anna

550x188x2154477_gioiellid_anna_jpg_pagespeed_ic_uk0rs_ge7vCompravano gioielli di scarso valore in paesi asiatici e li rivendevano in Italia attraverso televendite spacciandoli per ottimi affari. Questa attività ha messo nei guai il gruppo genovese D’Anna. I carabinieri, con l’operazione «Dynasty», hanno indagato 23 persone, 3 sono in carcere, 2 ai domiciliari e una, un notaio di Savona, è stato interdetto dalla professione per 6 mesi. Sono state sequestrate 8 società, 7 gioiellerie e compro oro, 34 conti correnti, 16 immobili, 11 tra auto e moto, per un valore complessivo di 10 milioni. I reati contestati sono: associazione per delinquere finalizzata alla commissione dei reati di truffa contrattuale, frode in commercio aggravata, ricettazione, riciclaggio e reimpiego di denaro e beni di provenienza illecita, nonché trasferimento fraudolento di valori. Gli arrestati sono Ruben D’Anna, Emanuela Botto, sua compagna, Roberto Peragine, Joanna Golabek, sua compagna e Giuseppe Maria D’Anna, 70 anni fondatore del gruppo. Quest’ultimo e Peragine sono ai domiciliari.
La notorietà della famiglia D’Anna nasce, agli inizi degli anni ’80, con il capostipite Giuseppe Maria, noto commerciante di preziosi di Genova, più volte chiamato giudiziariamente in causa per la vendita, attraverso la televisione, di oggetti preziosi risultati frequentemente non conformi a quanto dichiarato durante le telepromozioni. Venne anche condannato per ricettazione. Neppure una più accurata indagine della Guardia di Finanza, del 2002, che aveva, tra l’altro, portato alla luce un’imponente evasione fiscale per svariati miliardi di lire è stata in grado di arrestare le attività fraudolente delle società.

Ti potrebbero interessare anche:

Anziano brucia vivo in un incendio scoppiato in casa, la donna muore di paura
Latte in polvere invece di quello materno, arrestati 12 pediatri in Liguria e Toscana
Ezadeen, concluso lo sbarco dei migranti a Corigliano Calabro: a bordo 74 minori
Rigopiano, i risultati delle autopsie:«Quasi tutti deceduti sul colpo»
Divorzio e assegni di mantenimento, i casi celebri
Papa Francesco difende il riposo domenicale e appoggia la battaglia della Cei



wordpress stat